Il brivido di lanciarsi in bicicletta sulla “ruta de la muerte” in Bolivia

Ruta de la muerte

Amanti del ciclismo ‘estremo’ e provenienti da ogni parte del mondo, arrivano in Bolivia in cerca di emozioni forti e non perdono l’occasione di lanciarsi in bicicletta su quella che viene chiamata “ruta de la muerte” e che si trova a circa 25 chilometri dalla capitale boliviana La Paz. Un’esperienza da adrenalina pura nella quale questi fanatici delle due ruote percorrono 67 chilometri che portano dai 4600 ai 1200 metri di altitudine per una strada che collega le vette delle Ande con le valli dello Yungas, cuore della Bolivia cocalera.

Una prova di ciclismo per uomini veri…o completamente folli

La “ruta de la muerte” si è conquistata questo nome e questa fama per aver provocato il maggior numero di incidenti stradali del paese. Alcune statistiche relative a qualche anno fa, riportando che in questo tratto di strada si sono verificati ben 116 incidenti che hanno provocato 29 morti e 155 feriti. Un grande lavoro per la polizia stradale che è comunque riuscita a ridurne il numero in questi ultimi anni e che ora si occupa di assicurare maggiore sicurezza sul percorso, perchè sono davvero tanti i turisti che vogliono fare questa ‘esperienza’ ogni giorno, noleggiando biciclette sul posto per un costo che oscilla tra i 45 e gli 80 dollari. I più arditi, nonostante il grande rischio, tentano la discesa in notturna.

I ciclisti devono scendere per profonde gole, insenature e strade molto strette e vicinissime al burrone. Si tratta di 34 chilometri di strada asfaltata e altri 33 invece in terra battuta, sassi, fango e con curve molto strette e pericolose. In alcuni tratti cadono cascate d’acqua direttamente sulla strada e in altre zone è presente una costante nebbiolina.  Si tratta di un panorama indubbiamente splendido e il percorso è ‘impregnato’ di profumo di erba bagnata.

> Leggi anche: G-Board, la bici monopattino da downhill

Un ciclismo d’avventura, un’esperienza indimenticabile

La discesa dura circa tre ore nella quali le condizioni climatiche e la temperatura cambiano radicalmente: si passa dai 0° gradi della partenza fino ai 25-30° in mezzo ad una vegetazione tropicale e lussureggiante. Dopo una colazione con un bevanda a base di foglie di coca, utile a mitigare gli effetti del cambio di altitudine, i ciclisti indossano le loro giacche a vento, guanti e occhiali di protezione, portandosi alla zona di partenza, “La Cumbre”. Da parte di una guida locale ricevono consigli e istruzioni su come affrontare la strada, che va condivisa con le auto e soprattutto i grossi camion, poco abituati a ‘rispettare’ i ciclisti. Il gruppo è scortato da un piccolo bus che serve anche ai ciclisti per cambiarsi nel momento in cui passano dalle temperature dell’altipiano andino a quelle della vegetazione amazzonica.

Avventura che, una volta terminata, viene definita da tutti un’esperienza incredibile e che in molti tornano a fare negli anni successivi.

> Leggi anche: Cos’è l’ice cross downhill?

©RIPRODUZIONE RISERVATA