Sciare sulle Alpi francesi a tempo di rock e jazz

megeve_jazz_0

Guardiamo un po’ anche oltralpe, dalla parte francese, dove indubbiamente non mancano stazioni sciistiche che offrono, oltre alla possibilità di godere di eccellenti impianti per giornate da vivere sulla neve, anche momenti di relax e divertimento insieme agli amici. Un ricco calendario di eventi permette di vivere il dopo-sci a ritmo di rock, jazz, ma anche feste e balli scatenati.

>>Leggi anche: Le località sciistiche delle Alpi più ricche di charme

Tignes, sulle vette a ritmo di rock

Tignes, uno dei comuni più alti d’Europa con il centro abitato a quota 2.150 metri di altezza, si trova al termine della valle omonima ai piedi della montagna Grande Motte (3653 mt.). Ha fama di essere una stazione “giovane e festaiola” e infatti il programma di eventi è molto ricco. Tra i più importanti l’European Snow Pride dal 17 al 24 marzo, il più grande festival gay europeo di sport invernali, di musica e di cinema. Molto famoso è Live in Tignes by Francofolies dal 17 al 19 aprile 2018: tre giorni di concerti gratuiti con oltre 20 gruppi musicali famosissimi che si alterneranno su tre palchi a 2.000 metri d’altitudine.

skicolorLes Gets, dove si scia in multicolor

Les Gets, in Alta Savoia, insieme a Morzine e Avoriaz costituisce il comprensorio sciistico più grande d’Europa. Qui, il prossimo 10 marzo, è in programma la 3a edizione di SkiColor. Nessuna gara, nessuna medaglia, ma la gioia e il divertimento di scendere su una pista di 2,5 km indossando una tuta rigorosamente bianca per farsi colorare il più possibile dagli spruzzi di polvere colorata. Dalle piste alla musica con il festival Rock the Pistes, durante il quale, dal 18 al 24 marzo, le decine di artisti presenti ‘scioglieranno’ un po’ di neve e faranno riecheggiare tra le vette i loro assoli di chitarra.

>>Leggi anche: I 20 luoghi da visitare prima di compiere 30 anni

Megève a tutto jazz

Megève, ovvero quello che Jean Cocteau definì il “XXI arrondissement di Parigi” per il gran numero di parigini che da sempre frequentano questa località, è meta del jet-set francese e internazionale e importante è anche la presenza di italiani. Su queste vette oltre alla neve è di casa il jazz, un rapporto che dura da anni, già nel 1948, il pub Les Cinq Rues, accoglieva Stéphane Grappelli e Sidney Bechet. Dal 30 all’1 aprile Megève ospita la 3a edizione di Jazz à Megève, evento che vedrà impegnati oltre 250 musicisti, comprese star internazionali come Avishai Cohen,  Macy Grey e Marcus Miller, che faranno risuonare i loro strumenti a ritmo di jazz tra le strade e tra le vette a Megève.

>>Leggi anche: Ecco perchè la musica invoglia a fare sport

la_folie_douceFlaine: musica e fuochi d’artificio

Flaine, stazione sciistica situata nel territorio tra Magland e Araches,  oltre agli impianti è una località dall’atmosfera giovane e vibrante sia per i suoi locali e discoteche, sia per gli eventi che vengono organizzati da anni. Tra questi il Févr’Ival che dal 12 febbraio al 9 marzo, giorni nei quali Flaine si riempirà di parate, concerti e fuochi d’artificio. Successivamente, dal 13 marzo al 20 aprile, concerti di musica classica, rock, blues e folk, tutto rigorosamente ad alta quota,  con l’evento Le Printemps de Flaine.

>>Leggi anche: Perchè la neve ci rende felici

Val d’Isère: ballare a -15° e a 2500 metri

Si può proprio dire follia ad alta quota. Sulle piste di Val d’Isere, dove è nato il concept di La Folie Douce,  ogni  anno si rinnova la ‘celebrazione’ della follia positiva dalla quale migliaia di sciatori si fanno contagiare ballando al ritmo di musica elettronica, luci psichedeliche a quota 2500 e a temperature anche di -15° in un’atmosfera tale che il freddo non si sente affatto. La Folie Douce dopo Val d’Isère ha colpito anche Alpes d’Huez e Méribel.

[Photo credits: jazzamegeve.com, skicolor.com, nouwcdn.com]

©RIPRODUZIONE RISERVATA