Scialpinismo al Col Serena

Salita e discesa di una delle classiche gite valdostane, con i consigli del maestro Alberto Negro. Per salire al Col Serena (2547 metri) abbiamo due possibilità.
La prima, più avventurosa, segue la mulattiera dentro al bosco delle escursioni estive; parte dalla stradina sotto il curvone che si trova appena oltre gli impianti di Crevacol, nel comune di Saint Rhemy en Bosses, e poi punta al vallone di sinistra.
La seconda è quella che segue l’interpoderale che sale all’Alpe di Bois e da qui si congiunge al percorso nel bosco.

Pubblicità

Durante la salita prestiamo attenzione nell’affrontare la rampa finale, soprattutto se c’è neve pesante e abbondante, fatto non raro data l’esposizione settentrionale di questi pendii, che fa sì che si possa trovare neve polverosa anche lontano da una nevicata, soprattutto nei primi mesi dell’anno quando le temperature sono basse.

Una volta partiti dal colle per la discesa, la prima parte più ripida e nevosa consente ai più esperti di inanellare delle belle curve con ampio raggio grazie alla larghezza del vallone, o ai più tradizionalisti una precisa serpentina. La seconda parte invece è più pianeggiante e intervallata da dolci pendii e si presta a una sciata più fluida e rilassata, che piacerà soprattutto ai principianti.

La gita al Col Serena è sempre molto frequentata, per cui difficilmente saremo i primi a lasciare la nostra firma dopo una nevicata, ma è sempre soddisfacente per la bella neve polverosa che vi si incontra.

Un ultimo avvertimento: controlliamo sempre il bollettino valanghe prima di ogni gita!

Punto di partenza: Saint Rhemy en Bosses (1521 metri)
Lunghezza: variabile, a seconda dell’itinerario
Dislivello: 1000 metri
Durata: 4 h
Difficoltà: media

Clicca ‘Mi Piace‘ e segui anche la nostra pagina Facebook Sportoutdoor24

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità