Basta videogiochi, riportiamo i bambini a giocare nella natura

Basta videogiochi, riportiamo i bambini a giocare nella natura

Vi ricordate come ci si divertiva da piccoli a giocare in giardino o al parco, nei boschi e nei campi? Quanto era bello immaginare di essere indiani o pirati, costruire forti nascosti nelle siepi o accampamenti tra i rami degli alberi? Se a noi sembrano ancora i passatempo migliori dell’infanzia, i bambini di oggi sembrano di un’altra idea.

Nel video di Nature Valley, marchio canadese che produce barrette energetiche ai cereali, vengono intervistate individui di tre generazioni. Nonni, figli e nipoti raccontano come giocavano e giocano. Cosa emerge? Allo stare insieme fuori, all’aria aperta, adesso si preferisce passare ore in casa, da soli, con gli occhi fissi su tablet e Play Station.

Il video esorta le famiglie a riprendere la buona abitudine di uscire e riportare i figli a contatto con la natura. Volete qualche suggerimento sulle attività da fare con loro? Guardate la lista delle 50 cose da fare prima dei 12 anni. E non dimenticate che, come vi abbiamo spiegato, i bambini che fanno giochi “pericolosi” (ovviamente senza esagerare) crescono più sani e intelligenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA