Chernobyl, la serie TV fa crescere il turismo: cosa vedere nei luoghi fantasma

 

Chernobyl la serie TV di HBO dal 10 giugno su Sky Atlantic sta facendo crescere esponenzialmente l’interesse e il turismo verso l’area e l’Ucraina. Come è successo per Game Of Thrones, che ha fatto conoscere al grande pubblico certe aree di Croazia e Irlanda del Nord (leggi qui), la miniserie di produzione americana sta avendo come conseguenza l’aumento di richieste per viaggi nell’area del disastro nucleare avvenuto nel 1986. Pripyat, epicentro della catastrofe in Ucraina, evacuata dopo l’esplosione di uno dei reattori della centrale, sta avendo una crescita del 40% quanto a visitatori.

 

Perché cresce il turismo a Chernobyl

La serie TV Chernobyl, già in onda negli Stati Uniti e in altri paesi con grande successo di pubblico, sta agendo da megafono o cartolina per ispirare viaggi nelle aree fantasma attorno alla centrale nucleare V.I. Lenin che 33 anni fa provocò la più grave catastrofe che la storia ricordi (si stimano 30-60 mila morti collegati all’esplosione e alla fuga di materiale radioattivo). I viaggi nell’area di Pripyat, a soli 3 km dal sito, crescono di giorno in giorno. Naturalmente non si tratta di un viaggio ‘leggero’: i livelli delle radiazioni nella zona restano più alti del normale e i visitatori possono restarci per poco tempo.

 

Cosa visitare a Chernobyl

Ma un viaggio qui, che magari prevede anche altri tour in Ucraina e Bielorussia, può essere un’esperienza unica, anche perché l’area evacuata e priva di presenza umana da oltre 3 decenni ha visto il ripopolamento della fauna selvatica, con orsi bruni, bisonti, lupi e oltre 200 specie di uccelli che si muovono indisturbati come in un enorme parco ‘naturale’. Il centro delle visite è il reattore numero quattro e la fantasmatica città con il suo parco di divertimenti abbandonato.

E il turismo sta diventando quasi un problema: c’è chi sostiene che ormai non si vive più quella sensazione di avventura che si poteva avere prima. È la logica dei pionieri. Ma i locali ringraziano: in pochi speravano in questa nuova fonte di reddito.

 

I consigli per un viaggio verso mete poco affollate

 

Cosa serve per fare un trekking

Per affrontare un trekking, è importante arrivare preparati con l’attrezzatura. Ecco le nostre guide sull’argomento

 

 

(foto Di Slawojar – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=728928)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA