Costwold Way, come fare il trekking nel centro dell’Inghilterra, a piedi, in bici o a cavallo

Costwold Way - National Trail

Le Costwolds inglesi sono un luogo da percorrere a piedi, in bici o a cavallo. Un’area naturale in cui conoscere l’anima rurale dell’Inghilterra, vicine ma al tempo stesso lontanissime da Londra. Queste colline dal 1996 sono dichiarate Area of Outstanding Natural Beauty. Pochi italiani le conoscono e le frequentano, ed è un peccato, perché fare trekking qui è un’esperienza rilassante in mezzo alla natura e alla genuina ospitalità british. Provatela, seguendo i nostri consigli.

> Leggi anche: La Rota Vicentina, le tappe del cammino più bello del Portogallo

Cosa sono le Costwolds

Hai in mente la perfetta cartolina dall’Inghilterra? Colline verdi, foreste, villaggi pittoreschi con cottage in pietra, giardini curati, residenze storiche e pub. Sono le Costwolds, catena di colline calcaree al centro del paese: niente di clamoroso: la cima più alta sono i 330 metri di Cleeve Hill. Guardando la mappa della vecchia Albione, si trovano nel vertice di un ipotetico triangolo la cui base è formata da Londra e Cardiff. Avvicinandosi di più vediamo che il grosso sta nella regione del Gloucestershire e che sono delimitate a nord dal fiume Avon, a est da Oxford,a ovest da Celtenham, a sud dal Tamigi. Insomma, le Costwolds sono il cuore dell’Inghilterra.
> Leggi anche: In canoa con la famiglia sul Tirino, il fiume più bello d’Italia

Consigli per il viaggio

Le Cotswolds distano due ore di macchina a ovest di Londra. La capitale può fare da base per una visita ma se si desidera immergersi nella campagna per qualche giorno (cosa che consigliamo), è meglio cercare alloggio direttamente in una guesthouse o in un B&B della zona.

Nella valigia non devono mancare scarpe da trekking e giacca impermeabile: si cammina su sentieri sterrati e il meteo in Inghilterra, si sa, prevede spesso una pioggerellina fine che non disturba ma che a fine giornata ti inzuppa i vestiti.

> Leggi anche: Wild Atlantic Way: le tappe del trekking in Irlanda

Le guide sul cammino e sull’Inghilterra

Un buon riferimento per avere informazioni sulla Costwold Way è il sito ufficiale del National Trail, che dà suggerimenti sui percorsi e le tappe. Sempre utile la guida sull’Inghilterra della Lonely Planet

Costwold Way - National Trail

La Costwold Way: i percorsi

Con quasi cinquemila chilometri di sentieri pubblici che attraversano le Costwolds e che si estendono dai terreni coltivati alle foreste antiche, la regione è un paradiso per gli escursionisti. Chi è più allenato si può cimentare nella sfida della Cotswold Way, un percorso lungo 164 chilometri sull’asse nord-sud che parte dalla cittadina di Chipping Campden e arriva a Bath. Il reticolato di sentieri, ben segnalato e battuto, attraversa la dorsale delle Costwolds e si può percorrere a piedi, come in bici o a cavallo. Il percorso è disseminato di strutture per mangiare e dormire, negozi, noleggio bici, maneggi e ristori per i cavalli. Si procede in un’alternanza di laghetti, foreste, dolci pendii, villaggi, residenze antiche, aziende agricole; un cammino davvero originale e gratificante.

Si può optare anche per la versione da 50 km. Spostandosi invece in auto, si possono percorrere pezzi di sentieri scegliendo i luoghi che interessano di più. Ecco alcuni consigli per ottenere il massimo da questo viaggio.

Costwold Way - National Trail

Tour guidati in bici elettrica

Esiste un tour guidato che offre la possibilità di esplorare le Costwolds con un tour guidato su biciclette elettriche. Si percorrono le strade e stradine tranquille di campagna, fermandosi nei villaggi popolari come Burford, Chipping Campden, Kingham e Northleach. Ogni tour dura solitamente 6 ore (dalle 10:00 alle 16:00) e copre un percorso di 50 chilometri. Si possono organizzare anche tour privati personalizzati.

> Leggi anche: Come cambierebbe il mondo se tutti avessimo una bici elettrica?

Tour guidati sulla gastronomia

Nella cittadina di Stow-on-the-Wold parte un tour gastronomico a piedi, il Cotswolds Foodie Tour . Si tratta di tre ore a piedi che permettono di scoprire le tradizioni gastronomiche della Gran Bretagna come ad esempio il tè pomeridiano. Lungo il percorso si possono assaggiare prodotti artigianali come formaggio, torte, cioccolato, salumi e speciali miscele di tè e caffè della zona.

> Leggi anche: La Strada dei Vini dell’Alentejo, i consigli per caminare e degustare

Costwold Way - National Trail

I Giardini biologici reali

Le Costwolds ospitano anche residenze storiche legate alla Corona (scopri tutto sul tour delle location di The Crown, la serie TV di Netflix). Highgrove House è la residenza privata del Principe di Galles e della Duchessa di Cornovaglia (il principe Carlo la acquistò nel 1980, poco prima del suo matrimonio con la Principessa Diana). Carlo, da grande appassionato di giardinaggio, ha dedicato molto tempo alla pianificazione e alla progettazione dei giardini botanici di Highgrove, che si possono visitare tra aprile e ottobre prenotando una visita agli Highgrove Royal Gardens (con anche un facoltativo Champagne Tea Tour).

Da segnalare anche la produzione di un gin biologico ad opera del principe, aromatizzato con timo, lavanda e altre erbe. Gli appassionati di orticoltura hanno di che divertirsi anche al vicino National Arboretum of Westonbirt, con i suoi quindicimila specie di alberi provenienti da tutto il mondo.

Un’altra attrazione sul tema sono i terreni di Blenheim Palace. Grazie al grande lago e ai bellissimi giardini all’italiana, offrono uno scenario favoloso per una passeggiata in un contesto elegante. La magione si trova a Woodstock: è una delle case più grandi della Gran Bretagna ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

> Leggi anche: Il Sentiero dei Pescatori, uno dei cammini più emozionanti d’Europa

Costwold Way - National Trail

Un giro a Tetbury e a Lower Slaughter

Una sosta da fare è quella nella storica cittadina di Tetbury, che rappresenta la quintessenza delle Cotswolds. Gran parte dei suoi eleganti edifici, costruiti con le tipiche pietre color miele, erano un tempo di proprietà di ricchi mercanti di lana. Oggi, la città è rinomata per i suoi negozi di antiquariato e di arredamento. Inoltre nel 2017 Terbury eleva il suo status di centro culturale con l’apertura del Goods Shed, un nuovo spazio per arte, musica, cinema, esposizioni e spettacoli ricavato dalla stazione ferroviaria

Altro villaggio caratteristico è Lower Slaughter (significa “terra umida”) dove scorre il torrente Little Eye, fiancheggiato dai caratteristici cottage in pietra calcarea perfettamente conservati. È il posto perfetto per una sosta picnic.

> Leggi anche: Cosa fare in Ardèche oltre alle discese sul fiume in canoa

Costwold Way - National Trail

I mercatini dei coltivatori

Le Costwolds sono il regno delle aziende agricole, i cui prodotti poi si riversano sulle tavole. I Farmer’s Market sono un elemento chiave dell’economia e della cultura locali e vale la pena visitarli per il folklore che ci si incontra. Tra questi c’è lo Stroud Market, che ha luogo ogni domenica, ed è considerato uno dei migliori. Ma ce ne sono tanti: in altri paesi e villaggi, tra cui Tetbury, Gloucester e Cirencester, i produttori agricoli organizzano mercatini degni di nota, in cui assaggiare ortaggi, formaggi, salsicce, senape e mele renette.

> Leggi anche: Lanzarote, 5 percorsi di trekking nell’isola dello sport

Vita da pub: il migliore

Per assaggiare le ricette inglesi e osservare i riti sociali, niente di meglio che entrare nei pub dei villaggi. Imperdibile è il Fleece, locale di Bretforton che risale al 1651, quando re Carlo II, per sfuggire all’esercito di Cromwell, si nascose in questa tradizionale locanda di posta nel cuore di Cirencester. È di proprietà del National Trust e ha vinto il premio come Best Pub Of The Year ai VisitEngland Awards 2016. Il cortile riparato è l’ideale per cenare all’aperto durante i mesi estivi e il menù si compone di piatti da pub classici come hamburger e carni alla griglia, oltre a taglieri di salumi e piatti di pesce del giorno da condividere.

> Leggi anche: Il trekking lungo il Sentiero degli Ugonotti

Costwold Way - National Trail

Vita da pub: il gourmet

Un altro riferimento davvero caratteristico e interessante da visitare è il White Rabbit, pub con stella Michelin che offre menù su prodotti della tenuta di Daylesford, azienda famigliare considerata una mecca gastronomica alla moda. (i negozi di prodotti biologici Daylesford sono stati aperti in località esclusive come il quartiere di Notting Hill a Londra).

Vita da pub: gin da record

Gli amanti del gin, superalcolico di gran moda, non possono perdere una serata al Feathers, pub situato nella pittoresca città di Woodstock. È un Gin Bar finito nel Guiness Book of Records perché sui suoi scaffali ospita oltre quattrocento tipi di gin provenienti da tutto il mondo. Il ristorante offre un Gin Fusion Menu, che abbina un tipo diverso di gin per ogni portata.

> Leggi anche: Into the Wild Italia, viaggio nelle regioni più remote e selvagge

Costwold Way - National Trail

Cavalli e Polo

Un’esperienza difficile da avere in Italia è assistere a un match di polo. Le Cotswolds ospitano rinomati eventi equestri, tra cui il Badminton Horse Trial (ogni anno in maggio), e il Festival of British Eventing di Gatcombe, in agosto. In realtà ogni fine settimana da maggio a settembre ci sono eventi dedicati al polo e alle arti equestri: un buon posto è il Beaufort Polo, uno dei principali centri equestri della regione. E se vuoi imparare o migliorare le tue abilità, potrai prendere parte ai corsi di equitazione e di polo tenuti da istruttori certificati dalla Polo Association.

> Leggi anche: Il Trekking del Lupo, fra Alpi Marittime e Mercantour

©RIPRODUZIONE RISERVATA