I consigli per scegliere la maschera da snorkeling e immersioni

I consigli per scegliere la maschera da snorkeling e immersioni

La maschera da snorkeling fa rima con mare ed estate. Lo snorkeling è infatti quell’attività che consiste nell’osservazione del fondo del mare nuotando in superficie e usando maschera e boccaglio. In pratica per fare snorkeling bastano solo una maschera adatta con il suo snorkel, ed eventualmente delle pinne. Ma scegliere la miglior maschera da snorkeling non è così semplice: in commercio infatti ne esistono di diversi tipi, principalmente monolenti o con due lenti, di diversi materiali, in particolare silicone o gomma, e con le lenti di vetro, temperato o meno, o plastica. Ciascuna caratteristica ha i suoi vantaggi e svantaggi da valutare prima di comprare la maschera da snorkeling più adatta a sé e all’uso che se ne vuole fare.

Come scegliere la maschera da snorkeling migliore

Il primo consiglio per scegliere la maschera da snorkeling migliore è che è la maschera che si adatta al viso e non viceversa: quindi per trovare la giusta maschera per immersioni occorre provarne diverse. La maschera giusta è infatti quella che, indossata a secco e premuta contro il viso inspirando con il naso, rimane attaccata al volto per alcuni secondi: questo significa che le dimensioni sono giuste e la forma della maschera si adatta a quella del viso.

Particolare da tenere in considerazione: anche le maschere hanno le taglie, normalmente 3 (Narrow, Standard e Wide che corrispondono a Small, Medium e Large) e quindi prima di scartare un modello è bene fare come con le scarpe, provare una taglia diversa. La taglia non è solo questione di grandezza ma anche di volume, ovvero di quanta aria rimane intrappolata tra il viso e la maschera: tendenzialmente le maschere con poco volume d’aria vanno bene per persone con visi minuti mentre quelle con molta aria per persone con visi di grandi dimensioni e, dettaglio da non trascurare, nasi prominenti.

Probabilmente più di una maschera da immersioni sarà compatibile per misura e conformazione e allora serve valutare le caratteristiche in relazione al prezzo.

> Leggi anche: I 10 migliori posti per fare snorkeling in Italia

Maschera da snorkeling: due lenti o monolente?

La prima grande distinzione è tra una o due lenti. Quale scegliere? Sicuramente quella che assicura la maggior ampiezza di visione e per capirlo occorre osservare ai lati, in basso e in alto, che poi è quello che si farà in immersione. Normalmente le maschere monolente danno l’impressione di un campo visivo più ampio, ma ai lati potrebbe esserci troppo materiale perimetrale e allora potrebbe essere meglio una maschera con due lenti che si inclinano lateralmente. Per capire quale sia meglio si possono prendere dei punti di riferimento nel negozio (i piedi, il soffitto, le pareti laterali) e capire con quale maschera si vedono meglio.

Cressi Big Eyes Maschera Snorkeling

[La maschera da snorkeling Cressi Big Eyes Evolution & Alpha Ultra Dry ha due lenti in vetro, inclinate a forma di goccia rovesciata per aumentare l’ampiezza di visione, ed è in silicone high seal molto morbido che non lascia segni sulla pelle. Costa 59,99 euro ma si trova anche scontata in diverse colorazioni]

> Leggi anche: 7 ottime maschere da snorkeling sotto i 100 euro

Maschera da snorkeling: vetro o plastica per le lenti?

Deciso se una o due lenti, c’è da decidere di quale materiale devono essere fatte. Diciamo subito che le lenti in plastica sono per i modelli più a buon mercato e il motivo è semplice: la visione non è nitida come con il vetro, la plastica si deteriora e, qualora fosse necessario, non è possibile montare lenti correttive. Quindi se si vuole un prodotto di qualità almeno media conviene orientarsi sulle lenti in vetro, e che sia temperato, anche per questioni di sicurezza durante l’immersione.

Aqua Lung maschera snorkeling

[Il set di maschera in silicone con due lenti in vetro e boccaglio modello Palau LX di Aqua Lung costa 37 euro]

> Leggi anche: Le 10 spiagge dove andare in vacanza nel 2018

Maschere da mare: in gomma o silicone?

La differenza non è così semplice da capire ma è sostanziale: ci sono maschere da mare in silicone, che si adatta meglio alle naturali irregolarità del viso e che si deteriora meno con il tempo e l’uso, e ci sono maschere in gomma che risulta meno morbida e, con la salsedine, tende a perdere le sue qualità di elasticità e morbidezza. Quindi una maschera economica ragionevolmente sarà in gomma, una di livello almeno medio di silicone.

Scubapro Maschera Snorkeling

[Questa maschera da sub monolente Ghost di Scubapro è in silicone anallergico e ha un ampio campo visivo. Costa 45 euro]

> Leggi anche: Isola del Giglio e Giannutri, paradisi per il diving

E la maschera completa facciale?

La maschera EasyBreath di Decathlon, di cui abbiamo parlato qui recensendola in anteprima, ha aperto la strada alle maschere complete facciali, quelle cioè che coprono l’intero volto e incorporano anche lo snorkel per la respirazione. Ora, il senso di quelle maschere era per evitare che le acque fredde venissero a contatto con il viso ma è indubbio che piacciano perché danno la sensazione di grande ampiezza di visione e di una respirazione più naturale.

AquaSphere maschera facciale snorkeling

[Anche Aqua Sphere propone una maschera facciale per lo snorkeling, con guarnizioni in morbido silicone e sistema di arresto dell’acqua, al prezzo di 59 euro]

> Leggi anche: Le spiagge più belle d’Italia

Photo credits: CC Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA