“Artico. Ultima Frontiera”, oltre 60 foto a difesa dell’ultimo baluardo della natura

artico_00

Alla Triennale di Milano, fino al 25 marzo, è in programma la mostra fotografica “Artico. Ultima Frontiera” dove sono esposti oltre 60 scatti di tre fotoreporter internazionali, l’islandese  Ragnar Axelsson, il danese Carsten Egevang e l’italiano Paolo Solari Bozzi. Le fotografie mostrano paesaggi e abitanti di Groenlandia, Islanda e Siberia. Oltre alla mostra, il racconto di queste regioni del mondo viene accompagnato da tre documentari e da una giornata dedicata al cambiamento climatico con il ‘Summit on Climate Change”.

Pubblicità

>>Leggi anche: “We, the people”, fotografie che uniscono terra, natura, ambiente e popoli

L’ultimo baluardo della natura

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra.  Si tratta di un’indagine, realizzata attraverso gli obiettivi di questi ‘maestri’ della fotografia e vista da tre angolazioni diverse. Il racconto di tre terre ‘al limite del mondo’ come Groenlandia, Siberia e Islanda e sulla vita della popolazione Inuit, di soli 150.000 individui, costretti ad affrontare nella loro esistenza quotidiana le difficoltà di un ambiente ostile.

>>Leggi anche: Wildlife Photographer of the Year 2017, i vincitori

Artico-Ragnar Axelsson- Thule, Mikide su Inglefield Fjord, Groenlandia, 1999

© Ragnar Axelsson, Thule, Mikide su Inglefield Fjord, Groenlandia, 1999

Tre storie, tre autori

Ragnar Axelsson, fin dai primi anni Ottanta ha documentato con la sua macchina fotografica la vita degli Inuit condividendo la vita dei cacciatori nell’estremo nord della Groenlandia o dei pescatori della regione dell’Atlantico del nord e degli indigeni della Siberia. Il danese Egevang ha trascorso sei anni in Groenlandia ‘raccontando’ la natura spesso estrema di questo luogo e la vita degli Inuit. Paolo Solari Bozzi ha invece realizzato un reportage fotografico sulle difficili condizioni di vita degli Inuit che si trovano sulla costa orientale della Groenlandia.

>>Leggi anche: Marco Colombo: “Fotografo la natura con amore e rispetto”

Non solo foto

Accanto alle potenti immagini di una natura infranta e al contempo affascinante, tre documentari arricchiscono la narrazione delle regioni del Nord: “SILA and the Gatekeepers of the Arctic”, realizzato dalla regista e fotografa svizzera Corina Gamma; “Chasing Ice”, diretto dal fotografo e film-maker americano James Balog e “The Last Ice Hunters”, un documentario dei registi sloveni Jure Breceljnik e Rožle Bregar.

>>Leggi anche: ‘Animals with cameras’, documentario BBC dove gli animali filmano se stessi

artico_foto_egevang

© Carsten Egevang, Scoresbysund Fjord

Una giornata per parlare di clima

Alla Triennale di Milano è poi in programma, il 27 febbraio,  un importante incontro, “Summit on Climate Change”, durante il quale scienziati, politici ed imprenditori italiani ed internazionali presentano i loro ultimi risultati sul tema del cambiamento climatico.

>>Leggi anche Before the Blood, il docufilm di Leonardo DiCaprio sull’ambiente

ARTICO. ULTIMA FRONTIERA
Mostra fotografica di Ragnar Axelsson, Carsten Egevang  e Paolo Solari Bozzi
a cura di Denis Curti e Marina Aliverti
Fino al  25 marzo 2018
Triennale di Milano, Viale Alemagna,6  – Milano
Ingresso libero

 

[photo credits: triennale.org, lifegate.it, carstenegevang.com]
foto d’apertura © Paolo Solari Bozzi – Sermilik Fjord, Groenlandia 2016

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità