Perché i canguri sono i mammiferi più evoluti, foto

Per molto tempo, le persone hanno trattato i marsupiali come 'mammiferi minori. Ora si è scoperto che i marsupiali sono quelli molto più evoluti rispetto alla forma ancestrale.

Secondo la scienza i marsupiali e i canguri sono i mammiferi più evoluti, una teoria che ribalta tutto.
Stimando il modo in cui l’antenato comune dei mammiferi si è riprodotto e sviluppato, gli scienziati hanno ribaltato l’antica convinzione che i marsupiali siano più primitivi dei placentali.
Guarda la gallery dei canguri e scopri perchè sono i mammiferi più evoluti.

Perché i canguri sono i mammiferi più evoluti

I marsupiali sono stati a lungo considerati il gradino intermedio nell’evoluzione tra i mammiferi che depongono le uova e quelli placentari, perché danno alla luce piccoli altamente sottosviluppati, simili allo stato embrionale dei placentali.
Ma uno studio internazionale pubblicato su Current Biology ha analizzato i crani durante le diverse fasi di sviluppo di 22 specie di mammiferi viventi, ricostruendo i cambiamenti del cranio di queste specie durante.

Leggi anche

Quello che è emerso è che l’antenato di entrambi i gruppi (cani e canguri) era più simile ai placentali che ai marsupiali, il che significa che i marsupiali hanno modificato il loro metodo di riproduzione più di quanto abbiano fatto i placentali.
In sostanza, i marsupiali sono cambiati più dei placentali rispetto ai loro antenati.

La professoressa Anjali Goswami, responsabile della ricerca, afferma: “Utilizzando questo grande insieme di dati comparativi generati dalle collezioni storiche del Museo, siamo stati in grado di capovolgere ciò che sappiamo sull’evoluzione dei mammiferi”.

“Per molto tempo, le persone hanno trattato i marsupiali come ‘mammiferi minori'”, che rappresentano lo stadio intermedio tra i mammiferi placentari e quelli che depongono le uova, spiega Anjali. “Si è scoperto che i marsupiali sono quelli molto più evoluti rispetto alla forma ancestrale”.

Come si sono evoluti i mammiferi marsupiali e placentari?

Si ritiene che i mammiferi viventi discendano tutti da un antenato comune che deponeva le uova, vissuto circa 180 milioni di anni fa. Si ritiene che i teriani, il gruppo che comprende i marsupiali e i mammiferi placentari, si siano differenziati l’uno dall’altro molto presto, circa 160 milioni di anni fa.
Poiché i teriani si sono evoluti allontanandosi dalla nascita dei piccoli attraverso l’uovo, si pensava inizialmente che la nascita in diretta di un bambino sottosviluppato, come nei moderni marsupiali, fosse lo stadio intermedio naturale. Tuttavia, questo studio ha scoperto che non è così.

Tutti i mammiferi oggi in vita possono essere suddivisi in tre gruppi: mammiferi placentari, marsupiali e monotremi. Questi si distinguono facilmente per i loro metodi di riproduzione.
“Quello che abbiamo potuto dimostrare chiaramente è che il modo di svilupparsi dei marsupiali è quello che è cambiato di più rispetto all’antenato dei marsupiali e dei placentali”, dice Anjali.
“Il modo in cui i marsupiali si riproducono non è una forma intermedia tra i mammiferi che depongono le uova e quelli placentari. È solo un modo completamente diverso di svilupparsi che i marsupiali hanno evoluto”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...