Il respiro della foresta, film imperdibile sul Tibet, come vederlo al cinema

Respiro della Foresta film

Il respiro della foresta (Dark Red Forest) è il film di Jin Huaqing arriva al cinema il 22, 23 e 24 maggio con Wanted Cinema e il patrocinio del Club alpino italiano. Un documentario che avvicina al tema della fede in modo profondamente spirituale facendo scoprire uno dei luoghi più remoti nel mondo. In Tibet, dove 20 mila donne vivono nella spiritualità senza tecnologia e senza un briciolo di vanità.
Un film da vedere per allargare lo sguardo oltre i nostri orizzonti.
Nella gallery alcune immagini del film.

Il respiro della foresta, trama del film

Il documentario racconta di 20.000 monache buddiste vivono in un monastero su un altopiano innevato in Tibet. Circondate da una natura aspra e isolate dal mondo esterno, durante i 100 giorni più freddi dell’anno, lontane dalle loro famiglie, queste donne ci offrono un assaggio della loro ricerca spirituale e della loro devozione religiosa che le porta ad affrontare i grandi quesiti sull’esistenza umana.
In tutto e per tutto un lavoro di inchiesta spirituale, Il respiro della foresta è un maestoso documentario, con immagini di enorme impatto visivo, che tratteggia i particolari dell’annuale ritiro di migliaia di monache Tibetane, auto-confinate in piccole abitazioni in legno, che punteggiano il vasto altopiano del Tibet.

Leggi anche

Con una delicatezza straordinaria, la macchina da presa si apposta nel Monastero Yarchen osservando le donne che, durante i 100 giorni del loro apprendistato, affrontano e in qualche caso risolvono, profonde questioni di vita o di morte, di sofferenza e guarigione, di karma e missione interiore.
Il film di Jin Huaqing è un’opera illuminante calata profondamente nel misticismo e nell’indagine filosofica, ambientata in un paesaggio proibitivo e meraviglioso.

Il respiro della foresta trailer

Il respiro della foresta, come vederlo al cinema

Il film sarà in alcune sale italiane nei giorni 22 , 23 e 24 maggio.
Tutti i soci del Club alpino italiano potranno accedere alla proiezione con un biglietto a prezzo speciale a seconda delle tariffe previste da ogni singola sala).
Basterà esibire la tessera Cai in cassa per aver diritto allo sconto.
Su www.wantedcinema.eu è disponibile l’elenco delle sale nelle quali sarà proiettato il film.
Alcune delle proiezioni si svolgeranno in collaborazione con la Comunità Tibetana Italiana.

Il regista Jun Huaqing

Jun Huaqing (1980), documentarista indipendente e docente cinese di fama internazionale, ha affrontato temi come l’ambiente, i lavoratori e i giovani. Tra i suoi film: Living with ShameBlossom with TearsLament of YumenEndless Road e The Tibetan Girl. I suoi film sono stati selezionati in diversi festival internazionali. Tra i riconoscimenti che Il respiro della foresta ha avuto: il Premio per il Miglior Documentario al Golden Horse Film Festival (2021), il premio Speciale della Giuria al Seattle International Film Festival (2022) e la Genziana d’oro Miglior film di alpinismo, popolazioni e vita di montagna – Premio Cai al Trento Film Festival (2022).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...

Odio i trolley
Odio i trolley
13 Aprile 2024
Il valore del silenzio