Perché Macchu Picchu è così in alto

machu picchu_perù

 

La mitica città di Macchu Picchu nelle Ande sorge a 2430 metri su una cima andina molto complicata da raggiungere. Anche arrivarci da turisti con il cammino Inca Trail è difficile (ne pariamo qui). Perché questa scelta? La scienza se lo chiede da tempo e ora abbiamo la risposta. Un geologo brasiliano della Università Federale di Rio Grande do Sul è riuscito a spiegare come la città, costruita dalla popolazione Inca nel XV secolo, sia stata appositamente edificata su un sistema di faglie per avere una maggiore disponibilità di roccia per la costruzione e evitare inondazioni e frane che in passato avevano devastato altre città.

Leggi anche: Macchu Picchu il percorso in mountain bike

 

Perché Macchu Picchu è così in alto

Lo studio su Macchu Picchu ha portato alla conclusione dopo analisi condotte su immagini satellitari e misure sul campo, che hanno portato al disegno di una mappa della rete di fratture e faglie sottostanti. Il risultato è stato presentato al congresso della Società di geologia americana. La città si trova in quel punto delle Ande, fra canyon e rocce perché il terreno frammentato ha permesso la costruzione di edifici sicuri. Le faglie, con orientamenti diversi, si dispongono in una struttura a forma di X, in corrispondenza dei quali sorgono ‘pezzi’ di città, che sono proprio orientati secondo le direzioni delle faglie.
Questo ha permesso agli inca di usare le rocce che esistevano in abbondanza a queste altezze, e di risparmiare lavoro rompendole lungo i piani della faglia (operazione più facile). Una posizione del genere consentiva anche di convogliare dove si voleva le acque piovane e quelle che derivavano dallo scioglimento dei ghiacci soprastanti. Essere così in alto permetteva anche di proteggere Macchu Picchu da valanghe, smottamenti e inondazioni causate dai forti temporali della regione.
“Questa struttura riflette chiaramente la frattura che si trova sotto il sito”, spiega l’autore dello studio Rualdo Menegat, “Anche altre antiche città Inca, come Ollantaytambo, Pisac e Cusco, si trovano in corrispondenza dell’incrocio di faglie”.

 

Per approfondire:

Trekking Patagonia, in Cile il nuovo cammino della Route of Parks fino a Capo Horn

I viaggi zaino in spalla servono a migliorarsi

La Rota Vicentina, il cammino più bello del Portogallo

Pacific Crest Trail, il trekking di 4 mila chilometri dal Messico al Canada

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA