Milano Montagna Festival 2018, il programma dal 22 al 28 ottobre

milano-montagna-festival-2018

Dal 25 al 28 ottobre la montagna entra nel capoluogo lombardo: Milano Montagna Festival 2018. La quarta edizione vedrà 4 giorni di eventi, incontri, proiezioni di film inediti, giochi e festa dedicata alla montagna. In una città che la ama sempre di più. Andiamo a scoprire di più.

 

 

Che cos’è Milano Montagna Festival

Milano Montagna Festival è l’evento dedicato alla promozione della cultura della montagna e dello sport outdoor, organizzato con il patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Milano, della Fondazione Cariplo e del CONI. Vi partecipano anche CAI Milano e Vibram. Questa del 2018 è la quinta edizione e si fanno le cose un po’ più in grande rispetto agli scorsi anni.

Da quest’anno il Festival diventa anche Fuori Festival con una serie di eventi diffusi in città durante la settimana dal 22 al 28 ottobre.

 

 

Milano Montagna Festival: dove e quando

Milano Montagna Festival si tiene dal 25 al 28 ottobre presso l’edificio di Bergognone 34 e le manifestazioni sono a ingresso gratuito.
Il Fuori Festival è invece più ampio: dal 22 al 28 ottobre, con eventi diffusi in città.

 

milano-montagna-festival-2018-locandina

Milano Montagna Festival: i grandi alpinisti

Protagoniste di questa edizione sono le Tracce che lasciamo dopo il nostro passaggio, quelle lasciate nell’immaginario personale e collettivo dai grandi alpinisti, esploratori, scalatori, sciatori, scrittori e registi, fino a quelle che la montagna lascia dentro di noi.

Ad inaugurare questa settimana dedicata alla montagna, lunedì 22 ottobre ore 20.30 presso l’Auditorium di Milano, torna a Milano il re degli 8.000 Reinhold Messner per lo spettacolo L’assassinio dell’impossibile. Presenta Alessandro Filippini, a cura di Aldo Faleri.

Tra gli ospiti internazionali c’è Andrzej Bargiel, che con la prima discesa integrale in sci del K2 ha chiuso quest’estate il cerchio delle imprese finora ritenute impossibili in Himalaya.
Insieme alla sua, le storie di grandi atleti internazionali, alpinisti, freerider ed esploratori come Hansjörg Auer, Xavier de le Rue, Matteo della Bordella, Arianna Tricomi, Markus Eder, Ettore Personnettaz, Shanty Cipolli, Luca Albrisi, Stefano Ruzza (leggi qui che impresa ha fatto), Franco Collè e Eric Hjorleifson e molti altri che ci parleranno delle imprese che, rimaste impossibili per decenni, sono state realizzate grazie alla lunga serie di nevicate della stagione invernale 2018.

 

>> LEGGI ANCHE: Messner e i 40 anni della scalata all’Everest 

 

Milano Montagna Festival: i film

Accanto alla narrazione sportiva, sul palco sono in programma proiezioni di film in anteprima internazionale come Hoji con Eric Hjorleifson, Sky Piercer con Xavier de le Rue, Sam Smoothy e Nadine Wallner, e Duality con le quattro atlete del Trailrunning Team Vibram: Yulia Baykova, Audrey Bassac, Juliette Blanchet e Uxue Fraile Azpeitia.
Inoltre, retrospettive di film che hanno fatto la storia della cinematografia di montagna, presentazioni di libri e talk scientifici e, in anteprima per il Festival, la presentazione del progetto del primo parco italiano a economia circolare realizzato dall’Università Bocconi.

 

Milano Montagna Festival: sport e scienza (anche per bambini)

Come ogni anno non mancheranno action sport e svago anche per famiglie e bambini (dai 5 anni in su), con una parete di arrampicata gratuita per tutti gestita dal CAI Milano. Novità di questa edizione la Biblioteca Milano Montagna: una collezione di libri a tema montagna a 360°, per un invito alla lettura aperto a tutti.

Milano Montagna promuove anche alle generazioni più giovani l’avvicinamento consapevole alla pratica sportiva e ai forti valori educativi culturali e ambientali della montagna, offrendo momenti di formazione e coinvolgimento delle scuole, con un confronto tra studenti, atleti e scienziati.

Novità di quest’anno è il Fuori Festival, che si propone di portare le montagne nel cuore della città, grazie alla partnership con il CAI Milano che organizzerà attività gratuite di nordic walking, orienteering, il tracciamento del sentiero Monte Stella e un assaggio di ambiente alpino con l’esperienza delle sezioni CAI “Mediolanum”.

Il programma del Fuori Festival coinvolgerà altre importanti istituzioni milanesi come il MUBA Museo dei Bambini Milano, il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo Da Vinci, il Planetario Ulrico Hoepli, SEA Milan Airports, il Sistema Bibliotecario Milanese e il Touring Club Italiano, ma anche negozi di sport e outdoor, palestre di arrampicata, librerie, ristoranti e associazioni culturali e sportive con eventi dedicati agli appassionati di sport, cultura e cibo di montagna lasciando tracce di montagna in città.

 

 

milano-montagna-festival-2018-sci

 

 

>> LEGGI ANCHE: La storia della conquista degli Ottomila: tutte le prime, le assolute e le invernali

 

 

Fuori Festival: cosa succede in città

Dal 15 al 27 ottobre la Biblioteca Sormani e 21 sedi delle biblioteche rionali ospiteranno la mostra Tracce di montagna tra le righe, realizzata in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Milanese. Cogliendo l’appello del Comune di Milano a omaggiare il grande Novecento Italiano attraverso un palinsesto artistico-culturale dedicato al secolo breve, il progetto propone un racconto per tappe delle più grandi imprese alpinistiche del ‘900, attraverso il punto di vista degli articoli delle riviste storiche italiane del secolo scorso.

Dal 22 al 27 ottobre il Bibliobus, la biblioteca itinerante di Milano, porterà in giro per 6 piazze della città meneghina una rassegna di libri, per un invito alla lettura a tema montagna. Arte. In occasione del 70° anniversario di SEA Milan Airports e del Ventennale di Milano Malpensa, il programma del Fuori Festival toccherà anche il grande aeroporto di Milano Malpensa, hub internazionale che connette i grandi appassionati di montagna nel mondo con Milano e le Alpi che la circondano.

Da lunedì 22 ottobre La Porta di Milano ospiterà il progetto Alpi di Armin Linke, realizzato in collaborazione con SEA Milan Airports. Un’installazione comprendente il film omonimo Alpi (2010) e nove fotografie, frutto di una ricerca culturale, sociale, antropologica e politica durata sette anni sulla percezione e sulla canonizzazione della rappresentazione visiva del paesaggio alpino.

 

>> LEGGI ANCHE:  I libri di sport per migliorarci e trovare ispirazione

 

Mercoledì 24 ottobre sarà un pomeriggio alla scoperta di fotografie e documenti inediti di Silvio Saglio, alpinista e curatore delle storiche collane Da Rifugio a Rifugio e Guida dei Monti d’Italia con La magia della montagna: una visita guidata nell’Archivio fotografico del Touring Club Italiano. Ancora emozioni al Planetario Ulrico Hoepli, con Guidati dalle stelle a cura di Fabio Peri, una serata ad ingresso gratuito per riscoprire il fascino immutato del cielo stellato, imparare a conoscere le stelle, recuperando gli antichi racconti e lasciarsi, ancora una volta, guidare da esse.

Sabato 27 e domenica 28 ottobre il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo Da Vinci offrirà un week-end dedicato alla montagna con virtuali scalate sull’Everest (ne abbiamo parlato qui), racconti delle prime spedizioni alpinistiche, scoperte di documenti inediti, laboratori in cui cimentarsi con gli strumenti e i materiali del mestiere, e provare il brivido e la bellezza della montagna. Milano

Per tutti i dettagli, visita il sito ufficiale

 

(foto MMF)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *