Monopattini elettrici: ecco le regole a cui saranno soggetti durante la sperimentazione urbana

La moda dei monopattini elettrici e degli hoverboard, che da tempo si è consolidata negli Stati Uniti, ha ormai raggiunto anche l’Italia, dove l’azienda Helbiz ha recentemente portato a Milano i primi monopattini a flusso libero. Sempre più privati, inoltre, stanno iniziando a possedere uno di questi mezzi utili per gli spostamenti brevi in città. Per fare un esempio, le unità vendute nel mercato italiano sono state più di 230mila nel 2018. Insomma, il fenomeno è in crescita anche da noi e c’è bisogno di una regolamentazione. A rendersene conto è stato il Ministero delle Infrastrutture, che grazie a un decreto attuativo ha dato il via alla sperimentazione urbana (autorizzata dall’ultima Legge di Bilancio) di quella che viene definita micromobilità elettrica.

 

Monopattini: 4 nuovi veicoli sulle nostre strade

Alla sperimentazione non saranno ammessi solo i monopattini elettrici che pian piano stanno invadendo il centro di Milano, ma anche l’hoverboard (skateboard elettrici a una o due ruote), il segway (una sorta di hoverboard a due ruote con il manubrio) e il monowheel (un particolare monociclo elettrico). Il periodo di prova avrà luogo solamente nelle zone urbane, mentre per le delimitazioni delle aree la palla passerà ai sindaci dei singoli comuni. A breve, il testo formulato dal Ministero delle Infrastrutture verrà preso in esame dalle amministrazioni e dagli enti locali, con l’obiettivo di dare il via libera alla circolazione di questi veicoli entro l’estate. Si attende, infine, anche l’aggiornamento del Codice della Strada, all’interno del quale verranno inseriti i nuovi mezzi ecosostenibili.

>> Leggi anche: E-bike e bici tradizionale, un’abbinata perfetta 

I limiti di velocità e di circolazione

Come riporta in esclusiva ‘IlSole24Ore.com’, i quattro mezzi soggetti alla sperimentazione potranno circolare in aree pedonali a una velocità inferiore ai 6 km/h. Solo i segway e i monopattini, inoltre, avranno la possibilità di muoversi su tutte le piste ciclabili, a patto che la velocità non sia inferiore ai 6 km/h e superiore ai 20 km/h. Lo stesso discorso vale per le zone dove vige il limite dei 30 km/h. Da ciò si evince che gli hoverboard e i monowheel potranno circolare esclusivamente lungo le zone pedonali. Per risultare completamente a norma, inoltre, questi veicoli dovranno essere dotati di un limitatore di velocità (solo se sono in grado di superare i 20 km/h) e non potranno avere dei posti a sedere, dato che sarà severamente vietato trasportare (e anche trainare) cose e persone.

>> Leggi anche: Casco obbligatorio, assicurazione, targa e niente circolazione in contromano: tempi duri per le e-bike 

Casco non obbligatorio e divieto di circolazione per i minorenni

Tutti i veicoli elettrici di micromobilità potranno essere guidati esclusivamente da conducenti maggiorenni, a meno che il minore non sia in possesso della patente AM (quella del motorino). Durante la sperimentazione, inoltre, ci sarà il divieto di circolare dalla mezz’ora successiva al tramonto fino all’alba, quando i monopattini elettrici e simili andranno trasportati a mano. In caso di pioggia o di condizioni meteo sfavorevoli, questi mezzi non potranno essere utilizzati. Attualmente, non è previsto l’obbligo del casco. Le altre regole dovranno poi essere delineate dai comuni, che saranno chiamati a istituire delle apposite aree di sosta per hoverboard, segway, monowheel e monopattini elettrici.

>> Leggi anche: Bici elettrica e codice della strada: la normativa in Italia

>> Leggi anche: 15 bici elettriche pieghevoli economiche da comprare subito 

 

 

Foto di copertina: Helbiz.com/go

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA