Il contributo di Salomon alla lotta contro il Coronavirus

Questa settimana, centinaia di paia di scarpe SALOMON RX e calze a compressione sono state consegnate al personale medico degli ospedali di Lione, Parigi, Mulhouse, Chambéry, Marsiglia e Annecy. SALOMON ha appreso da partner, amici e familiari dei suoi dipendenti che le calzature RX e le calze a compressione sono molto apprezzate e utili per gli operatori sanitari, che sono al lavoro e in piedi tante ore al giorno. SALOMON ha lavorato con le varie Organizzazioni ospedaliere delle città di cui sopra, colpite duramente da questa crisi sanitaria, per far sì che queste calzature fossero approvate per l’utilizzo in ambienti ospedalieri. SALOMON sta identificando altri ospedali in difficoltà e seguiranno nuove donazioni.

Pubblicità

Il Pesce d’Aprile di Kilian e la raccolta di finanziamento per l’OMS

Come forse è stato notato, il team SALOMON e Kilian Jornet hanno pubblicato sui social un simpatico pesce d’aprile, che era programmato da
diverse settimane. Nel video, Kilian ha annunciato il suo falso “ritiro” dal trail running e il suo debutto nella sua nuova carriera dedicata alla pesca. Il Coronavirus si è diffuso in tutto il mondo e negli ultimi giorni SALOMON ha deciso di usare questo scherzo per permettere a tutti di sorridere un po’, ma anche di cogliere l’occasione per compiere un’azione a scopo benefico. Il 1° aprile, alla fine della giornata, circa 10 ore dopo la trasmissione del video sulla “pesca” di Kilian, il Team ha infatti pubblicato un altro video in cui l’atleta spagnolo ha svelato lo scherzo annunciando che avrebbe firmato e regalato tre paia delle sue (preziose) scarpe SALOMON a chiunque avesse elargito donazioni all’Organizzazione Mondiale della Sanità o al Fondo delle Nazioni Unite. Il feedback del pubblico è stato straordinariamente positivo.

400 mascherine donate al centro medico di Prigny

Il 19 marzo, su iniziativa dell’infermiera Pauline Hibon dell’Annecy Design Center, SALOMON ha donato le sue 400 maschere FFP2 conservate nel dipartimento di “medicina e lavoro” dell’Azienda al Centro Medico di Pringy. Un gesto molto apprezzato dai caregiver in prima linea sul fronte dell’epidemia: “È stato un arrivo inaspettato di materiale che serve per proteggersi, ringraziamo molto per il sostegno”, è stata la nota dei medici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Nessun Tag per questo post