Gli innamorati sono più felici e più sani: lo dice la scienza

vita di coppia felice fa bene alla salute

Una vita di coppia felice fa bene alla salute e ci permette di “invecchiare meglio”: ora lo dice anche la scienza. Un nuovo studio statunitense, pubblicato sulla rivista Journal of Personality, ha infatti confermato che avere un partner ottimista e positivo comporta benefici sia a livello mentale sia a livello fisico. Gli effetti positivi si notano nella diminuzione del rischio di Alzheimer, demenza e declino cognitivo.

Pubblicità

Una vita di coppia felice fa bene alla salute: lo conferma la scienza

Jeewon Oh della Michigan State University ed Eric Kim dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health, i due co-autori dello studio, hanno analizzato i dati di quasi 4500 coppie eterosessuali che, in passato, avevano partecipato a un’ampia ricerca nazionale sulla pensione. I soggetti sono stati monitorati non solo dal punto di vista della loro progressiva salute fisica, ma anche a livello psicologico con dei test appositi e approfonditi.

>> LEGGI ANCHE: Perché lo sport dopo i 60 anni dovrebbe essere obbligatorio 

Si abbassa il rischio di Alzheimer

Analizzando e incrociando le informazioni a disposizione, i ricercatori hanno trovato un legame tra l’essere sposati con una persona felice, ottimista, positiva e un minor rischio di riscontrare una serie di problemi durante la vecchiaia: declino cognitivo, Alzheimer e demenza senile. Il carattere del nostro partner, dunque, può aiutarci a evitare alcune patologie che generalmente compaiono con l’età che avanza. Tutto ciò grazie a un ambiente sano, caldo e felice tra le mura domestiche. Secondo gli esperti, inoltre, quando le coppie parlano frequentemente delle loro esperienze passate assieme, i ricordi possono continuare a vivere più a lungo. Senza sbiadirsi col tempo come potrebbe succedere a una persona affetta da Alzheimer.

>> LEGGI ANCHE: Cosa fare per mantenere in forma corpo e cervello? Giocare 

L’importanza di essere ottimisti

“Mantenere il peso ideale e fare attività fisica, ad esempio, sono due ottimi predittori delle patologie di demenza degenerativa. Ci sono però anche alcuni marcatori fisiologici. E le persone sposate con dei partner ottimisti, a quanto pare, tendono a ottenere dei punteggi minori, i quali indicano un minor rischio”, ha detto uno degli autori dello studio.
I partner con un carattere positivo e ottimista possono motivarci a fare sport, mangiare sano e prenderci cura del nostro corpo: tutto ciò, a lungo andare, comporterebbe degli effetti positivi della salute, specialmente quando si invecchia. Ma l’ottimismo è innato o si può allenare? Secondo gli esperti questa peculiarità caratteriale presenta una componente ereditabile, però si può anche sviluppare mettendo impegno e concentrazione in tutte quelle cose che possono cambiare in positivo la nostra vita. E avere un partner con questo genere di attitudine, senza dubbio, aiuta.

(Foto di copertina: 5688709 / Pixabay)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità