Il primo cane sull’Everest

Si chiama Rupee, e nonostante da tempo si racconti di cani avvistati sulla cima del monte più alto del mondo, è ufficialmente il primo cane in assoluto ad aver raggiunto e soggiornato nel campo base dell’Everest. La sua storia è davvero singolare: Rupee è stato trovato e salvato dalla sua padrona, Joanne Lefson, nelle strade di Ladakh, nel nord dell’India.

Pubblicità

Era in condizioni pessime, probabilmente a un passo dalla morte ad ascoltare il racconto della sua padrona raccolto dal Daily Mail, ma dopo una cura iperproteica e la morte di Oscar, il cane con cui Joanne aveva girato praticamente mezzo mondo, la padrona ha deciso che avrebbe portato Rupee in cima all’Everest.

Avuto il via libera dal veterinario, secondo il quale il cane, essendo nato in quelle aree, non avrebbe avuto problemi di altitudine, Joanne è volata a Kathmandu e in 10 giorni di cammino ha raggiunto il campo base della montagna più alta del mondo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità