Chili: i vantaggi per la salute dello stufato piccante festeggiato negli Usa il 25 febbraio

Secondo una ricerca della Denver Marketing Agency pubblicata su National Today, il chili è adorato dal 68% degli americani ed è proprio negli Stati Uniti che è nato il “National Chili Day”, diffusosi via social al resto del mondo per celebrare ogni 25 febbraio questo piccante stufato, composto da peperoncino e carne, con l’aggiunta a piacere di pomodori, patate e fagioli.

I vantaggi del chili per la salute

A dosi moderate, il chili pare avere benefici effetti sulla salute: da una ricerca americana dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health è infatti emerso che chi consuma ogni giorno pietanze piccanti ha il 14% di rischio in meno di incorrere in morte prematura rispetto a coloro che ne fanno uso meno di una volta a settimana.

LEGGI ANCHE > Quanto peperoncino mangiare al giorno

Il chili aiuta poi anche il sistema immunitario: una ricerca pubblicata sul portale Healthline evidenzia che questo piatto sia ricco di vitamine (soprattutto A e C), di sali minerali e derivati vegetali, tutte sostanze utili ad aumentare le nostre difese naturali. In particolare, è da segnalare la capsaicina, sostanza che aiuta anche la perdita di peso (perché accelera il metabolismo) e serve anche all’organismo per alleviare il dolore, se consumata in maniera regolare.

LEGGI ANCHE > I cibi per perdere velocemente peso insieme con lo sport

Altre ricerche attribuiscono poi al chili la proprietà di controllare la concentrazione di zucchero nel sangue, contrastare la congestione intestinale e addirittura stimolare il buonumore.

Spopola in tavola e anche sui social

Il chili è insomma una pietanza perfetta per il corpo come per la mente. E non a caso spopola in tavola come sui social: in Instagram sono infatti oltre 3 milioni i post con l’hashtag #Chili e ben 116 mila quelli con la menzione #ChiliCookOff, ovvero gli eventi culinari organizzati per preparare ricette a base di questa pietanza. È quanto emerge da un’indagine promossa da Espresso Communication per Marco Roveda, il pioniere del biologico che ha introdotto anche la ricetta del chili in una sua nuova linea di zuppe.

©RIPRODUZIONE RISERVATA