Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo

Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo_hp

Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo sugli spettacolari itinerari tra Italia e Svizzera. Meta classica dello scialpinismo primaverile, il Passo del Gran San Bernardo, a 2.473 m. di quota, al confine tra la Valle d’Aosta e la regione svizzera del Vallese, offre diversi itinerari spettacolari, giustamente molto frequentati. Antico luogo di transito tra i due versanti delle Alpi, quasi 1.000 anni fa sul colle venne costruito un ospizio per aiutare e soccorrere i viandanti che, soprattutto in inverno, spesso si trovavano in difficoltà. Molte persone furono soccorse e salvate con l’aiuto dei famosi cani San Bernardo che proprio qui ebbero origine. Il più famoso di questi straordinari cani è stato Berry che nei primi anni dell’Ottocento salvò più di 40 persone. Nel bel Museo presso l’Ospizio si possono ripercorrere le vicende del Passo e dei suoi cani.

Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo: salire all’ospizio d’inverno e in primavera

Nella stagione della neve, che qui si protrae fino ai primi di giugno, il Passo viene chiuso al traffico e resta agibile solo il Traforo per il transito degli automezzi. In questo periodo si può salire all’Ospizio solo a piedi, con gli sci da scialpinismo o le ciaspole. La salita dal versante italiano è troppo pericolosa e quindi sconsigliata mentre, dal versante svizzero, è molto frequentata la gita al Colle lungo un percorso che richiede circa 2,30 ore di cammino, superando un dislivello di 500 m. Si parte da Bourg St. Pierre, per la precisione dal parcheggio in corrispondenza dell’imbocco del tunnel, e si segue l’evidente traccia che segue in gran parte la strada estiva. L’itinerario non è difficile ed è molto frequentato ma va intrapreso con prudenza, informandosi prima sul rischio di valanghe ed evitando le giornate di nebbia e brutto tempo. Gestito da una congregazione di religiosi aiutati da volontari laici, e peraltro collocato sulla celebre Via Francigena che proprio dal colle entra in territorio italiano, l’Ospizio offre ospitalità in stile rifugio con servizio di ristorazione e pernottamento, in dormitorio o piccole stanze. Passare una notte sul colle, col chiarore della neve, della luna o delle stelle, in un ambiente incantevole di alta montagna, è un’esperienza da non perdere.

Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo_1

Scialpinismo e ciaspole al colle del Gran San Bernardo

Già durante la salita all’Ospizio, staccandosi dal percorso principale verso sinistra alla quota di 2.200 m. circa, si può fare una bella e panoramica deviazione verso la Combe de Barasson per raggiungere l’omonimo colle a 2.634 m. che si affaccia verso l’Italia con splendidi panorami. Per ammirare il Colle del Gran San Bernardo dall’alto, dall’Ospizio si può salire in circa 1 ora alla quota 2.653 m., vicino al Petit Mont Mort mentre uno splendido itinerario scialpinistico porta ai 2.901 m. dello spettacolare Mont Fourchon. In questo caso si scende brevemente sul versante italiano fino alle baite di Baou quindi, messe le pelli, si sale alla vetta. Dopo aver ammirato il Monte Bianco, le Grandes Jorasses e mille altre montagne, per concludere in bellezza, a metà discesa, con una breve risalita ci si po’ affacciare sulla Val Ferret e scendere, in uno scenario di straordinaria bellezza, con un percorso a tratti molto ripido, fino a La Foully.

Scialpinismo e ciaspole al Passo San Gran Bernardo_2

Cosa serve per salire al Gran San Bernardo in inverno o primavera

Attenzione, per tutti gli itinerari, compresa la salita al Colle, è obbligatoria la dotazione di ARTVA, pala e sonda – che ovviamente bisogna saper utilizzare – e controllare che ci siano condizioni favorevoli alla gita rispetto al rischio valanghe. Se non si è più che esperti, è vivamente consigliato farsi accompagnare da una Guida Alpina che saprà ridurre al minimo i rischi e sceglierà il percorso migliore in base alle vostre capacità.

Informazioni per salire al Gran San Bernardo

Tutte le località di partenza e arrivo degli itinerari sono serviti dagli autobus postali dell’efficiente sistema dei mezzi pubblici svizzeri. Molto interessante lo Swiss Travel Pass che permette di viaggiare su tutti i mezzi con un solo conveniente biglietto. Informazioni sulla zona del Gran San Bernardo, alloggi e trasporti sul sito www.saint-bernard.ch/it/, sulla situazione meteo e rischio valanghe www.slf.ch/it. Per contattare le Guide Alpine della zona www.guideverbier.com mentre un’ottima mappatura di tutta la Svizzera con gli itinerari per scialpinismo e ciaspole si trova sul sito web https://map.geo.admin.ch selezionando la Mappa “Sport sulla neve”. Tutte le informazioni, le proposte, le offerte della regione sul sito del Vallese.

Testo e foto Vincenzo Maritati ©

©RIPRODUZIONE RISERVATA