9 spiagge poco affollate in Liguria dove fare il bagno

spiagge poco affollate in Liguria

Trovare spiagge poco affollate in Liguria è difficilissimo. Già lo è normalmente, per la conformazione della costa, spesso una striscia stretta tra il mare e i monti, perché laddove ci sono spiagge grandi ci sono anche città e cittadine e stabilimenti balneari, e perché inevitabilmente il mare della Liguria è spesso preso d’assalto per i weekend e le vacanze. E trovare spiagge con poca gente in Liguria in questa estate 2020 post lockdown e con le restrizioni dovute all’emergenza Coronavirus è ancora più difficile. A maggior ragione perché chi conosce le spiagge meno frequentate della Liguria mantiene giustamente il segreto. E tuttavia qualche spiaggia poco affollata in Liguria, sia a Ponente che a Levante, si può comunque ancora trovare, magari mettendo in conto che non si può pretendere di arrivare e trovare parcheggio proprio davanti, che magari bisogna fare un po’ di cammino a piedi o che magari il modo migliore è arrivarci in bicicletta se non via mare.

9 spiagge poco affollate in Liguria

Vediamo allora da Levante a Ponente, da Luni a Ventimiglia, 9 spiagge poco affollate in Liguria in cui fare vita da mare senza lo stress del distanziamento sociale importo da recinzioni o percorsi obbligati

Punta Crena – Finale Ligure

Trovare una spiaggia poco affollata a Finale Ligure sembra quasi un paradosso, e invece è proprio dove meno te lo aspetti che si trovano le sorprese più inaspettate: Punta Crena è una piccola spiaggetta che si può raggiungere solo via mare (ma non a motore, nuoto o imbarcazione a remi, anche se qualcuno ci arriva anche sul materassino) oppure a piedi, facendo il giro del promontorio omonimo: si può partire dal borgo vecchio di Varigotti e salire alla torre saracena, da cui discende un sentiero non facile, non agevole, con anche tratti esposti e attrezzati con corde. Ma in 30′ si è in una delle più belle spiagge poco affollate in Liguria.

Baia dei Saraceni – Varigotti

Una grande spiaggia di sabbia fine, tra Varigotti e Noli, circondata da rocce e scogliere: non è certamente una spiaggia segreta, anzi, ma storicamente è sempre stata meno frequentata di altre nella zona perché è relativamente lontana sia da Varigotti che da Noli e di trovare parcheggio sull’Aurelia non se ne parla neanche. La cosa migliore è munirsi di bicicletta, stare attenti perché sull’Aurelia il traffico non è di quelli che rassicurano i bambini, soprattutto in periodo di vacanze, ma ne può valere davvero la pena. Purtroppo nella stessa zona per quest’anno non c’è la possibilità di andare alla vicina Punta Prodani: la baietta diventata purtroppo celebre per l’episodio del lancio del cassonetto dell’immondizia finito in testa ad un 12enne francese rimasto gravemente ferito, è stata chiusa e recintata sia per l’emergenza COVID (non essendo verificabile l’affollamento) che per i pericoli di crolli dalla falesia sovrastante. Attenzione perché ci sono controlli h24 da parte dei vigilantes, come riporta la stampa locale.

Baia Blu – Lerici

Altro posto dove non ti aspetti di trovare spiagge poco affollate in Liguria è Lerici, nel Levante Ligure. Eppure la Baia Blu potrebbe essere la sorpresa che non ti aspetti: si trova nel tratto di costa tra Punta Santa Teresa e Punta Galera, ha sia una spiaggia attrezzata che angoli di scogliera isolati, e la sua fortuna è che la stradina che scende nella fitta vegetazione scoraggia i più, nonostante lo spettacolare strapiombo sul mare che più blu non si può.

Balzi Rossi o Capo Mortola – Ventimiglia

No, non la spiaggetta attrezzata con servizi esclusivi ma tutto ciò che resta a disposizione come spiaggia libera. Ora, che quella dei Balzi Rossi sia una spiaggia poco frequentata è ben difficile, già normalmente e a maggior ragione in questa estate di restrizioni. E però per chi ama un tuffo al mattino presto e poi nelle ore più calde e affollate si ritira nell’entroterra, c’è davvero poco di meglio. E se poi volete qualcosa di più riservato e meno frequentato, non distante c’è la spiaggia de La Mortola: è una minuscola baia sul promontorio di Capo Mortola che si raggiunge dalla mulattiera detta Discesa del Marinaio che parte proprio dal paesino Poi, se avete voglia di u giro in bicicletta, da Bordighera parte la ciclabile dei Fiori, una delle più belle d’Italia

Punta Murena – Alassio

No, non lo spiaggione subito dopo il porto, che è la più grande della cittadina ed è stata attrezzata con distanzatori in juta per gli oltre mille ospiti giornalieri, ma la spiaggetta che si trova oltre, proprio davanti all’isola della Gallinara: anche qui al mattino presto o la sera prima che faccia buio può valer la pena fare un salto per trovare una ambientazione meravigliosa, con mare azzurro, sabbia e pineta alle spalle, e ragionevolmente poco affollamento.

Lido delle Sirene – Bergeggi

In molti non capiscono e passano oltre, e il Lido delle Sirene a Bergeggi può essere una buona opzione per trovare una spiaggia poco frequentata nel ponente ligure: c’è infatti la spiaggia privata del ristorante omonimo ma c’è anche un tratto di spiaggia libera, e soprattutto ci sono 187 gradini da scendere e risalire e sassolini neri al posto della sabbia. Insomma, una spiaggia non per tutti ma sicuramente riparata e appartata.

Baia dello Sportigliolo – Varazze

Anzi, più che Varazze, nella frazione dei Piani d’Invrea: qui c’è una serie di piccole spiagge e calette, alcune di sabbia altre di sassi, in cui può valer la pena dare una occhiata: ragionevolmente sono sempre poco frequentate (alcune esclusivamente dagli amanti del naturismo) e tra le meno frequentate c’è la Baia dello Sportigliolo, dove si arriva via mare oppure a piedi o in bicicletta.

Buco del Prete – Albisola

È l’ultima piccola insenatura, oltre la galleria ex-FS, e per arrivarci bisogna scendere dal sentiero o dalla scalinata che partono direttamente dall’Aurelia. Vero che parte della spiaggia è attrezzata, ma il contesto è davvero spettacolare e il fatto che sia la più defilata delle spiagge defilate di Albisola e che sia raggiungibile solo dal sentiero la rende sempre un po’ più riparata dall’invasione dei bagnanti.

Cala del Pozzale – Porto Venere

O la va o la spacca. nel senso che Cala del Pozzale è sull’isola di Palmaria, e sarebbe difficilmente raggiungibile, visto che da terra vi si arriva solo da un ripido sentiero. Ma vi arrivano anche le imbarcazioni da Porto Venere e La Spezia e il rischio di assalto è potenzialmente alto. Di fatto però la spiaggia di ciottoli è spettacolare, la vegetazione di mirti, lecci e ginestre altrettanto, il mare è turchese cristallino e può valer la pena fare un tentativo.

Photo credits: Terensky / CC BY

©RIPRODUZIONE RISERVATA