In bicicletta a Roma: il Parco del Pineto

Su via Albergotti andiamo a sinistra e poi alla curva prendiamo via Alciati a destra; al semaforo andiamo diritti, traversando via Nostra Signora di Lourdes, che percorriamo in piano tra sinuose curve.
Giungiamo a un incrocio dove all’angolo a sinistra abbiamo la Villa Veschi. Prima di intraprendere la discesa di fronte, i bimbi possono già imboccare il marciapiede destro, perché in fondo la strada che sale a destra (via Graziano) è in senso vietato. Terminata questa salita, scendiamo fino a largo Irnerio dove incrociamo la via Aurelia al semaforo pedonale; sull’altro lato della piazza prendiamo la stradella che sale leggermente (via Fiore) e poi proseguiamo a destra sulla circonvallazione Cornelia, della quale percorriamo il largo marciapiede a sinistra. Al semaforo attraversiamo e di fronte abbiamo l’ingresso di Villa Carpegna (km 7; 85 m).
Usciti dalla villa, proseguiamo a destra al semaforo, dove continuiamo su via del Casale di Pio V, stretta e trafficata, che percorriamo solo per un breve tratto (marciapiedino per i bimbi), perché alla prima a destra giriamo (via Cardinal Pacca). In discesa giungiamo sulla Via Aurelia Antica, anche questa trafficata, ma dopo poco l’abbandoniamo, perché subito si incontra l’ingresso di Villa Doria Pamphilj (km 7,7; 79 m).

[slideshow post_id=”16743″]

A pochi giri di pedale dal centro-centro si trovano 240 ettari di verde perfetti per una bella pedalata: è il Parco regionale urbano del Pineto, che, oltre a ospitare bellezze naturalistiche come la Pineta Sacchetti, regala anche delle viste più belle sul Cupolone. Il percorso descritto dettagliatamente nella gallery parte dalla stazione di Gemelli, alle porte del parco, e dopo aver attraversato l’oasi verde giunge fino a Villa Doria Pamphilj e si conclude alla stazione di Quattro Venti.

Pubblichiamo questo itinerario grazie alla collaborazione con Ediciclo editore.
Il percorso è tratto dal libro Roma e dintorni in bicicletta di Romano Puglisi.
Per scoprire tutto il catalogo visita il sito www.ediciclo.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA