Gli orologi con il Gps per correre

Orologi Gps per la corsa

Ancor più dei braccialetti fitness come questi, gli orologi con il Gps per correre sono diventati uno strumento indispensabile per qualunque runner: sono infatti estremamente utili per tenere traccia dei parametri di base dell’allenamento, come distanza, ritmo medio, velocità, ma in alcuni casi possono fornire anche informazioni più sofisticate, per esempio quelle legate alla frequenza cardiaca e, di conseguenza, anche al consumo calorico.

Come deve essere un orologio con il Gps per la corsa

Tutte le migliori marche di orologi con il Gps per la corsa hanno diversi modelli con prezzi anche molto diversi tra loro, tuttavia è possibile stabilire alcune caratteristiche su come deve essere fatto un Gps watch per il running.

> Leggi anche: 7 trucchi per creare un doodle con il Gps

Schermo ampio

Se si corre davvero la prima caratteristica davvero utile in un running watch è quella dello schermo, che deve essere ampio, luminoso, con un vetro antigraffio e infrangibile e resistente all’acqua. In pratica lo schermo deve essere in grado di fornire a colpo d’occhio tutte le informazioni importanti durante la corsa, per evitare di distrarsi e perdere il ritmo.

Alcuni modelli dispongono anche dello schermo touch, almeno per le informazioni principali, mentre altri preferiscono il tradizionale sistema dei pulsanti sulla ghiera o cassa dell’orologio: questa è una caratteristica sulla quale ciascuno può scegliere in base alle proprie abitudini e preferenze personali.

> Leggi anche: Il Gps spegne il nostro istinto all’avventura?

Cinturino anallergico e morbido

Quando si corre, si suda. Anche le braccia, anche i polsi. Per questo è importante provare al polso l’orologio per correre: il cinturino infatti deve essere morbido, saldo (soprattutto se in presenza del cardiofrequenzimetro) e in materiale anallergico, per evitare infiammazioni o arrossamenti durante l’attività fisica.

> Leggi anche: 7 smartwatch sportivi da regalare

Gps e software per la rilevazione della prestazione

Certo, in molti si accontentano di utilizzare lo smartphone, ma quando si decide di acquistare un orologio per correre, il Gps è il dispositivo che non deve assolutamente mancare: è infatti grazie a questa antenna che il running watch si aggancia ai satelliti e tiene traccia con precisione al metro del percorso effettivamente fatto, dei metri corsi, delle distanze complessive e così via. Altro aspetto fondamentale è il software che raccoglie, elabora e organizza tutti questi dati: ogni marca di orologi per lo sport ha il proprio software proprietario e l’App dedicata con la possibilità di elaborare medie, fare somme, tracciare miglioramenti e peggioramenti e così via. È chiaro che questo è anche un meccanismo per fidelizzare i clienti: una volta che ti sei creato un profilo con quella marca e hai tutti i tuoi dati su quel programma, solo a malincuore passerai a un altro marchio; ecco perché è importante valutare anche la compatibilità con App di tracciamento dell’attività sportiva cosiddette “di terze parti” come Strava o Runtastic da usare come backup della propria storia sportiva.

> Leggi anche: I 10 migliori sport da praticare

Cardiofrequenzimetro

La fascia cardio sul petto rimane lo strumento più accurato per la misurazione del battito cardiaco durante l’attività sportiva, come dimostra il fatto che tutti gli atleti di alto livello continuano a usarla. Tuttavia sempre più device ormai incorporano un lettore ottico in grado di rilevare la frequenza cardiaca: i braccialetti per il fitness, o sport tracker, gli auricolari e, ovviamente, anche gli orologi per correre.

> Leggi anche: Meglio fare prima esercizi di forza o cardio?

Garmin Forerunner 935

Molto più che un orologio Gps per il running: la novità 2017 di Garmin ha numerosi profili sportivi precaricati (anche nuoto, indoor o in acque libere, e ciclismo), si aggancia ai satelliti Gps e Glonass, restituisce informazioni evolute sulle prestazioni, come stima del VO2 max, tempi di recupero e previsione dei tempi di gara, ha la funzione di switch automatico multisport per il triathlon, rileva la frequenza cardiaca al polso (ma è anche compatibile con le fasce cardio, anche quelle per il triathlon e il nuoto), ha la funzione Group Track per monitorare la posizione dei compagni di uscita, a piedi o in bici, si integra con Strava (anche tramite WiFi), ha i sensori ABC (Altrimetro, Barometro e Bussola utili durante il trail running o le escursioni) ed è pure smart, segnalando le notifiche dallo smartphone e permettendo di controllare le tracce musicali. Costa ufficialmente 549,99 euro.

Orologio Gps corsa Garmin Forerunner 935

> Leggi anche: Garmin vivoactive HR: lo smartwatch per gli sportivi

Suunto Spartan Sport Wrist HR

Anche questo Spartan Sport Wrist di Suunto è una novità del 2017, e non è solo running ma multisport, con 80 modalità sport predefinite a partire da corsa, ciclismo e nuoto oltre che ovviamente triathlon, ha la rilevazione del battito cardiaco al polso (ma è anche compatibile con la fascia cardio Suunto Smart Sensor). Il software analizza carichi di lavoro, tempi di recupero, progressi e miglioramenti nelle prestazioni, permette di creare video 3D delle proprie escursioni, è smart e si sincronizza con smartphone iOs e Android, si aggancia ai satelliti Gps e Glonass. La ghiera è in acciaio, lo schermo in cristallo minerale, il cinturino in morbido silicone anallergico e pesa 74 grammi. Costa ufficialmente 499 euro, ci sono anche edizioni speciali, ma in alcune colorazioni si può trovare anche a poco più di 400 euro.

orologio Gps corsa Suunto Spartan HR Wrist

 > Leggi anche: Suunto Ambit 3 Vertical: la nostra prova

Polar M600

Il modello di punta di Polar è prima di tutto un orologio per il running che rileva velocità, distanza e percorso con il GPS e il GLONASS integrati, ma non solo: è anche uno smartwatch da usare tutto il giorno ogni giorno, basato su Android Wer 2.0 ma compatibile anche con iPhone, rileva la frequenza cardiaca al polso, ha le metriche per il nuoto (ma non lo switch multisport disponibile solo sul Polar V800, che costa 399 euro ma si trova online anche a meno di 300 euro) e ha un grande display touch da 240×240 pixel tramite il quale controllare tutte le funzioni, compreso il player musicale per il quale sono disponibili 4GB di spazio d’archiviazione. Con il Gps integrato la batteria dovrebbe durare 8 ore, 2 giorni in modalità smartwatch connesso ad Android (1 giorno e mezzo con iOs). È disponibile in bianco e nero, con numerosi cinturini colorati intercambiabili, al prezzo ufficiale di 299,90 euro (il prezzo di lancio era 349,90) ma si può già trovare intorno ai 260 euro o anche meno in base alla colorazione.

Orologio Gps corsa Polar M600

> Leggi anche: Polar V800, il Gps watch multisport

TomTom Runner 3

Corsa. Palestra. Bici. Nuoto. Tapis roulant. Fitness. Il Runner 3, il modello più evoluto e l’ultima novità di TomTom, è più che un semplice orologio con Gps per il running: rileva il battito cardiaco al polso agendo come un vero smartwatch da indossare 24 ore al giorno tutti i giorni, ha uno spazio per le playlist e i brani da ascoltare durante l’allenamento, così si può lasciare a casa il telefono, fornisce informazioni e statistiche sulle prestazioni in tempo reale sull’ampio schermo e permette di precaricare mappe Gps con waypoint per essere guidati su percorsi nuovi e alternativi durante gli allenamenti. Costa ufficialmente 199 euro il solo dispositivo e c’è anche la versione Adventure per l’outdoor (costa anche questo 299 euro).

Orologio Gps corsa TomTom Runner 3

> Leggi anche: TomTom: ecco il primo fitness tracker che rileva la composizione corporea

©RIPRODUZIONE RISERVATA