Le differenze tra correre in strada o in pista d’atletica

Tra il duro asfalto della strada e il morbido del tartan di una pista d'atletica ci sono ovvie differenze che è bene conoscere 

correre in strada o in pista d'atletica

Correre in strada o in pista da atletica non è esattamente la stessa cosa. Tra correre sull’asfalto di una strada e il fascino del giro sul tartan c’è una differenza non solo di fascino, ma prima di passare dalle strade alla pista da atletica è meglio conoscere per bene le differenze tra le due superfici e le possibili conseguenze del correre sull’una e sull’altra.

Pubblicità

Le differenze tra correre sull’asfalto o in pista

Banalmente: l’asfalto è duro, molto duro, ed è nemico di muscoli e articolazioni come caviglie, ginocchia, schiena e anche. Le piste di atletica sono fatte in tartan (o simili), sostanzialmente dei materiali sintetici a base di poliuretano che le rendono morbide al tatto. Attenzione però perché ciò che è morbido al tatto poi in realtà non è morbido sotto i piedi in quanto la caratteristica principale del tartan e dei materiali simili utilizzati nelle piste per correre è di essere elastiche e reattive.

> Leggi anche: 8 consigli per correre più veloce

Correre sul tartan

L’elasticità e reattività del tartan è progettata specificamente per restituire spinta agli atleti evoluti che cercano la prestazione. Per questo la sensazione di apparente morbidezza è ingannatoria: senza una corretta tecnica di corsa, in condizioni di particolare stanchezza o ancora senza le specifiche scarpe tecniche per la corsa, in pista questa restituzione di energia potrebbe essere controproducente e dare spazio a problemi vari agli stessi muscoli e articolazioni che si pensa di preservare.

correre in strada o in pista d'atletica

C’è un altro aspetto da considerare circa le differenze tra correre sull’asfalto o in pista: nel secondo caso si corre sempre ad anello, il che può essere pesante sia a livello psicologico (in fondo andare in giro a correre è anche una delle componenti più divertenti del correre in sé) che fisico, dato che il carico in curva, soprattutto per gli sprint, è sempre sbilanciato in un senso.

> Leggi anche: 5 trucchi per riuscire a correre anche quando si è stanchi

Dove correre sul morbido

Se si cerca una superficie morbida su cui correre, più e prima di una pista d’atletica si può pensare di andare a correre sull’erba o comunque su fondo naturale ed eventualmente tenere la pista solo per i lavori più tecnici come le ripetute oppure per quanto piove molto, visto il potere drenante del tartan.

> Leggi anche: 8 errori da evitare quando si corre

Credits photo: Pexels

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità