Scarpe running Saucony, la TR Canyon (e la collezione Bright Future)

scarpe-running-saucony-tr-canyon

Fra le scarpe da running Saucony, debutta a febbraio la TR Canyon, nella collezione Bright Future, una nuova collezione colorata e ottimista, per la nuova stagione della corsa alle porte.
Si tratta di 8 modelli di scarpe per correre, tra road e trail, che si caratterizzano per la tomaia nera che si accende di guizzi di tonalità fluo – fucsia, giallo, turchese, arancione, verde. Una combinazione studiata per accendere ogni grammo di energia positiva nei runner e rendere ogni uscita più audace e brillante.
Fanno parte della collezione Bright Future Collection SS21 Endorphin Pro, Endorphin Speed, Endorphin Shift, Triumph 18, Kinvara 12, Guide 14, Peregrine 11 e Canyon TR.

Scarpe running Saucony, la TR Canyon (e la nuova collezione Bright Future)

Con la Bright Future Collection, Saucony ancora una volta conferma la continua attenzione verso la ricerca e l’innovazione tecnologica unite ad una grande sensibilità verso l’estetica e il colore.
Il primo drop della Bright Future Collection vede protagonista la nuova Canyon TR: il crossover neutro perfetto per variare la routine dell’allenamento e andare ovunque si desideri passando con naturalezza dalla strada allo sterrato.
Estremamente versatile, questa scarpa polivalente possiede un feeling stradale ma al contempo regala la stabilità e la sicurezza di passo di una scarpa da fuori strada. L’ammortizzazione PWRRUN leggera ed elastica, il grip ideale per trail garantito dagli intagli di 3mm e la tomaia rinforzata che protegge dai detriti permettono, infatti, continuare a correre in pieno comfort senza alcuna limitazione.
>> LEGGI ANCHE: Le scarpe per correre da donna sono diverse da quelle da uomo

Scarpa running Saucony Canyon TR, com’è

Il look robusto è dato dall’engineered mesh, leggero e traspirante, impiegato sulla tomaia e rinforzato da una pellicola sottile e flessibile in 3D per offrire maggiore protezione e durata oltre ad una flessibilità ottimale.
Vestibilità e comfort sono ulteriormente migliorati grazie a FormFit, l’approccio tridimensionale al fit che permette di ottenere una calzata personalizzata grazie a una costruzione che avvolge il piede da ogni angolazione adattandosi alla sua forma ed evitandone movimenti indesiderati.
FormFit comprende una costruzione sagomata e avvolgente nel sottopiede, uno strato di schiuma ammortizzante che si adatta alla forma del piede ed una tomaia contenitiva ed elastica.

Reattività e versatilità sono garantiti dal basso profilo degli intagli sul battistrada che permettono di passare con facilità dalla strada al trail e viceversa uniti ad un ammortizzamento PWRRUN che offre un maggior ritorno di energia e una lunga durata assicurando il giusto equilibrio tra morbidezza e dinamicità anche su terreni irregolari.
>> LEGGI ANCHE: Scarpe per correre, come devono essere?

Ammortizzazione nella Saucony Canyon TR

Il comparto ammortizzante lavora in simbiosi con una topsole di 3mm in materiale PWRRUN+, una sorta di cuscino aggiuntivo che rende ogni passo piacevole e maggiormente ammortizzato, comodo e reattivo per affrontare anche le distanze più lunghe e impegnative. Completa il tutto la suola in PWRTRAC, composto in gomma con alte proprietà di trazione, che offre un coefficiente di frizione (COF) 3 volte superiore alla normale gomma in carbonio per una perfetta aderenza anche su superfici bagnate e terreni difficili.

Per chi è la Saucony Canyon TR

È una scarpa versatile, adatta sia ad atleti dal passo lento che maggiormente performanti. La nuova Canyon TR si trova a proprio agio su lunghe percorrenze; il modello ideale da mettere in valigia come paio unico e versatile con cui affrontare qualsiasi situazione: dalla camminata all’escursione, dall’allenamento su strada allo sterrato, una visita a un sito archeologico e, perché no, l’aperitivo serale.

Scarpa running Saucony Canyon TR, altre caratteristiche tecniche

Il differenziale di 8mm permette anche al runner con appoggio prevalentemente di tallone di trasferire agevolmente il peso all’avampiede. Il controllo della torsione permette di effettuare un’efficace rullata che, combinata alla geometria del Rocker, ne determina un passo estremamente naturale e bilanciato.

La presenza di una piastra in Nylon intrecciato che percorre la suola dalla punta sino al mesopiede ben si sposa con questa geometria. Oltre a essere efficace contro le asperità del terreno, regala una sensazione di rilancio continuo. Inoltre, l’azione della piastra agevola la naturale falcata del piede, portando a correre con minor dispendio di energia.

Il puntale è di natura semirigida, progettato per mantenere quanto più possibile un feeling stradale, mentre il contrafforte tallonare è stabile, protettivo, ma non invasivo. La parte superiore della coppetta è costituita da un cuscinetto che culla e avvolge dolcemente il tendine d’Achille.
Il collarino interno che scorre sotto i malleoli, così come la linguetta, è appositamente studiato per offrire il massimo comfort, una calzata sicura e un’ottima traspirabilità.
Il sistema di allacciatura è semi indipendente: una geometria del design classico dove ogni occhiello passa laccio lavora in modo indipendente per assecondare quanto più possibile le forme del collo del piede. A completare il tutto: il ferma-lacci in cui riporli comodamente una volta serrata la scarpa, l’occhiello che permette di aggiungere la ghetta e gli inserti riflettenti per la visibilità notturna.
Si trova nei negozi, disponibile in due colorways: base nera e bright green river per l’uomo, base nera e bright pink river per la donna. Si possono trovare anche su Amazon.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA