Coronavirus: se fai vacanze in Sicilia, metà delle spese te le paga la Regione

vacanza-in-sicilia-meta-delle-spese-te-le-paga-la-regione

Un’idea per battere la crisi del turismo causata dal Coronavirus arriva dalla Sicilia: chi decide di andare in vacanza in Sicilia avrà circa metà delle spese pagate dalla Regione. Nello specifico metà del costo del biglietto aereo, un terzo dei costi delle strutture ricettive e biglietti gratis per i musei locali e i siti archeologici. Tenendo conto che in Sicilia si registra uno dei migliori indici di contagio (0,3 al momento) e un invidiabile rapporto tra contagiati e popolazione (0,064%), si capisce come la regione punti a tornare un riferimento per i turisti, con uno stanziamento di 50 milioni di euro deciso dalla giunta, per sostenere un comparto che vale il 15% del Pil regionale.
>> LEGGI ANCHE: Coronavirus e viaggi, dove e quando potremo fare le vacanze: è l’anno del Centro Italia?

Vacanza in Sicilia: metà delle spese te le paga la regione

Il piano di aiuti economici annunciato dalla Regione arriva dopo la perdita di circa 1 miliardo di euro nel turismo fra marzo e aprile. Non esistono ancora dettagli precisi su come fare per ottenere i voucher di rimborso, si sa che si deve consultare il sito Visit Sicily. A partire dal momento in cui sarà possibile muoversi oltre la propria regione e pensare quindi alle vacanze estive.
(foto nonmisvegliate pixabay)

 

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

 

LEGGI ANCHE

©RIPRODUZIONE RISERVATA