Copper Canyon, il paradiso messicano degli sportivi estremi

Canyon più profondi di quelli dell’Arizona, panorami mozzafiato e fiumi impetuosi. Siamo in Messico, nello stato di Chihuahua. Qui si trova uno dei paradisi più incredibili per gli appassionati di sport estremi, il Parque de Aventuras Barrancas del Cobre con i suoi ponti sospesi tra i più lunghi e articolati del mondo.

Pubblicità

Ma le terre dei ‘Canyon di rame’ riservano un’altra sorpresa, che farà felici tutti i runner: è proprio in questo luogo che vivono gli indigeni Tarahumara, famosi in tutto il pianeta per la loro resistenza senza pari nella corsa, che si prestano ad allenare i turisti più tosti e dei quali si parla in nel libro Born to Run.

Non vi sentite ancora convinti che valga un viaggio? Allora sappiate che Copper Canyon è stato anche incluso nella lista delle 10 regioni da visitare assolutamente nel 2015 redatta dalla Lonley Planet. Per dare un primo sguardo alla regione dei canyon potete salire a bordo della Chepe, la ferrovia che da Chihuahua conduce a Los Mochis percorrendo 628 chilometri su 39 ponti e attraverso 86 gallerie (i lavori per realizzarla iniziarono nel 1871 e finirono nel 1961).

Poi non ci sono più scuse: a 50 km da Madera ci si butta sul gommone per fare rafting sul rio Papigochi (acque di III livello) o sul rio Urique (IV livello), vicino alla città di Divisadero. E di ritorno a Chihuahua, si fa un giro sulla zip line più lunga del mondo al parco avventura Barrancas del Cobre che fa toccare i 110 km/h. Il parco d’avventura, coi suoi 5 km di percorsi sospesi più o meno impegnativi ad altezze davvero vertiginose (fino a 400 metri dal suolo), è uno dei più spettacolari. E anche dei più costosi: 600 dollari per 2 ore e mezza di brividi sulle zipline e 450 dollari per l’Escalada en Roca, il Rappel di 45 metri e il tremendo Salto de Tarzán nel vuoto (assicurati, certo).

Lonely Planet ha citato anche la possibilità che ci sarà nel 2015 di trascorrere delle giornate in compagnia degli indigeni Tarahumara per imparare i segreti della corsa di resistenza. Loro, di solito, sono in grado di non fermarsi anche per giorni, voi accontentatevi di arrivare a qualche ora senza pause.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità