Dopo il Cammino di Santiago, Pietro Scidurlo ha percorso la Via Francigena in handbike

Tutti dovrebbero avere la possibilità di scoprire il mondo, i suoi luoghi e le bellezze, e farlo senza limiti. E’ questo l’obiettivo di Petro Scidurlo, varesino di 37 anni, da anni impegnato in questo senso.

Pubblicità

Il protagonista

Pietro è un ragazzo normale, con una vita normale e la passione per la bicicletta. Pietro è paraplegico dalla nascita a causa di un’errata valutazione medica, ma questo non gli ha impedito di inseguire i suoi sogni. Nel 2012 ha intrapreso il Cammino di Santiago in handbike insieme a dei fidati compagni di avventura, un percorso che gli ha cambiato la vita, facendolo diventare in breve tempo un modello da seguire.

> Leggi anche: Il cammino di Santiago si può fare anche in Bicicletta

(Credits: Pietro Scidurlo/Facebook)

Il libro

Il 37enne della provincia di Varese ha fondato un’associazione, la Free Wheels Onlus, destinata ad avvicinare le persone disabili al turismo in bicicletta. Da quella esperienza è venuta fuori una guida, Santiago per tutti, che indica i tratti accessibili e quelli più problematici dell’itinerario e come fare per superare i problemi. Si tratta della prima guida europea del genere.

> Leggi anche: 5 libri da leggere prima di fare il Cammino di Santiago

Oltre Santiago

Da qui poi il desiderio di guardare oltre, anzi di guardare “a casa”. In Italia ci sono molti cammini conosciuti, e per questo Pietro ha pensato di intraprendere lo stesso studio perché i cammini italiani possano essere così accessibili a tutti. A febbraio ha iniziato l’avventura: percorrere la via Francigena, sempre in compagnia del suo insostituibile gruppo. Il team ha concluso il cammino il 10 aprile, quando è stato accolto a Roma da Papa Francesco. Un percorso molto più duro, variegato e tortuoso di quello di Santiago, ma che di certo non ha spaventato Pietro, deciso a correre in handbike oltre ogni limite. Perché il mondo è un luogo per tutti.

> Leggi anche: La Via Francigena, a piedi attraverso l’Europa

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità