Ciclovia dei Parchi della Calabria: le tappe dell’itinerario di 545 chilometri nella natura calabrese

ciclovia dei parchi della calabria

La Ciclovia dei Parchi della Calabria è contraddistinta da 12 tappe che attraversano 4 province e 4 parchi nazionali: un itinerario perfetto per una vacanza a pedali.
I suoi 545 chilometri si snodano tra i parchi dell’Appennino calabrese, passando per incantevoli aree protette, laghi in mezzo alla natura e suggestivi scorci sul mare. La Ciclovia dei Parchi della Calabria, che parte da Laino Borgo (Cosenza) e termina a Reggio Calabria (o viceversa), è una delle novità più intriganti del cicloturismo italiano: un insieme di percorsi già esistenti ma che sono stati valorizzati di recente nel quadro del progetto Europeo POR Calabria 2014-2020. Il risultato è dunque questo itinerario ciclabile perfetto per scoprire una regione straordinaria ma che spesso non viene valorizzata come meriterebbe.
La Ciclovia dei Parchi della Calabria è un’ottima soluzione per una vacanza in bicicletta nel mezzo della natura selvaggia dei rilievi montuosi della Calabria, le cui bellezze non si limitano agli 800 chilometri di costa che la contraddistinguono.

Pubblicità

>>LEGGI ANCHE: Sentiero Italia: le guide online di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia

Ciclovia dei Parchi della Calabria: le 12 tappe dell’itinerario

I 545 chilometri della Ciclovia dei Parchi della Calabria passano per quattro enormi parchi della regione: il Parco Nazionale del Pollino, il Parco Nazionale della Sila, il Parco Naturale Regionale delle Serre e il Parco Nazionale dell’Aspromonte.
Si pedala lungo strade provinciali di montagna tendenzialmente poco trafficate, piste ciclabili asfaltate (e segnalate) e larghi sentieri che passano in mezzo ai boschi: l’ideale è quindi affrontare l’itinerario con una bici da viaggio in grado di essere performante su tutti i tipi di terreni. La Ciclovia dei Parchi della Calabria presenta parecchie tappe con dislivelli importanti che conducono ad alta quota, toccando anche i 1400 metri di altitudine: ecco perché non è un viaggio in bicicletta pensato per le famiglie con bambini. Bisogna essere mediamente allenati, insomma.
Per quanto riguarda le soluzioni per la notte, avrete l’imbarazzo della scelta: lungo il percorso troverete agriturismi, campeggi attrezzati, aree selvagge dove piantare la tenda e bed & breakfast a conduzione familiare. Di seguito le tappe (percorribili anche singolarmente per un’escursione di una giornata) della Ciclovia dei Parchi della Calabria: tenete conto che può essere percorsa in entrambi i sensi, partendo da Laino Borgo o da Reggio Calabria.
Da Laino Borgo (CS) a Morano Calabro (CS) nel Parco Nazionale del Pollino: si parte forte con una tappa da 34 chilometri e 1230 metri di dislivello. L’arrivo, dopo aver superano Mormanno, è a Morano Calabro, considerato uno dei borghi più belli d’Italia.
Castrovillari (CS)-Lungro (CS)-Acquaformosa (CS) nel Parco Nazionale del Pollino: da Castrovillari si pedala fino ad Acqua Formosa attraversando i paesi di San Basile, Saracena, Firmo e Lungro. Il percorso è di 34 chilometri.
Da San Sosti (CS) al Lago di Tarsia nel Parco Nazionale del Pollino: 39 chilometri di percorso collinare che ad un certo punto raggiunge il campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia.
Da Bisignano (CS) al Lago Cecita: 44 chilometri per una delle tappe più dure della Ciclovia dei Parchi della Calabria. Dopo aver lasciato Bisignano si raggiunge Acri (688 metri s.l.m.) per poi salire fino a quota 1262 metri, dove si incontra il Lago Cecita presso la località montana di Cupone.
-Dal Lago Cecita a Silvana Mansio (CS) nel Parco Nazionale della Sila: questa tappa di 50 chilometri attraversa il paese di Germano e il borgo di Sculca, raggiungendo infine il pittoresco villaggio turistico di Silvano Mansio a 1470 metri sopra il livello del mare.
Da Rovale (CS) a Villaggio Mancuso (CZ) nel Parco Nazionale della Sila: 56 chilometri spesso in mezzo a boschi selvaggi. In questa tappa si passa per il Lago Ampollino e si scende verso i villaggi Racise e Mancuso a 1290 metri.
Da Taverna (CZ) a Tiriolo (CZ) nel Parco Nazionale della Sila: dopo tre tappe in montagna si torna in collina. L’itinerario è lungo circa 39 chilometri.
Da Caraffa (CZ) a Monterosso Calabro (VV) nel Parco Naturale Regionale delle Serre: 39 chilometri di saliscendi che terminano a Monterosso, nei pressi del suggestivo Lago Angitola.
Da San Nicola di Crissa (VV) a Mongiana (VV) nel Parco Naturale Regionale delle Serre: 41,7 chilometri che attraversano Simbario, Spadola, Serra San Bruno fino ad arrivare a Mongiana.
Da Fabrizia (VV) a Canolo (RC) nel Parco Nazionale dell’Aspromonte: la prima tappa dell’Aspromonte dura 39 chilometri e, soprattutto nella parte finale, ha una salita parecchio ripida che non scorderete facilmente.
Da Canolo (RC) a Gambarie (RC) nel Parco Nazionale dell’Aspromonte: da Canolo, il percorso sale verso Zervò e attraversa il crinale affacciato sulla Valle delle grandi pietre. Questa è senza dubbio una delle tappe più belle dal punto di vista paesaggistico, con panorami sconfinati che si affacciano sulle colline. L’itinerario è lungo 55,4 chilometri e ha un dislivello di 1090 metri.
Da Gambarie (RC)-Reggio Calabria nel Parco Nazionale dell’Aspromonte: ecco la tappa finale, che da quota 1300 metri scende a picco verso il mare. Il punto di arrivo è situato presso il lungomare Falcomatà di Reggio Calabria.
[Photo by: Ciclovia Parchi Calabria / YouTube screenshot]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità