Perché non potete non andare a Ischgl

Domanda: "Andresti a Ischgl, sobbarcandoti un viaggio di diverse ore, se non ci fossero apres-ski e night club?" Risposta: "Certamente. E di corsa". Peraltro è quello che fa la maggior parte dei turisti presenti, che al massimo si beve una birra in un ambiente un po' diverso dal solito e un po' più piacevole di un bar di paese.
L'emozione e il vero godimento fisico che danno le piste della Silvretta Ski Area non è paragonabile a nessuna lap dance. E a nessuna pista sul nostro versante delle Alpi. 230 km di piste, scavallando fino a Samnaun, in Svizzera, e lo skipass internazionale costa solo 43 €, quanto un medio comprensorio sulle Dolomiti.
Si scia sempre sopra i 2000 metri, cioè sopra la linea delle vegetazione, in un contesto naturale fantastico, tutto bianco, con piste mai noiose e mai troppo facili, tra picchi di roccia e falsopiani suggestivi. E poi ci sono impianti nuovissimi in cui non si fa mai coda e rifugi che sembrano disegnati da una mano d'artista.

Sì, è vero, la chiamano la “Ibiza delle Alpi”. È vero che in inverno tutta la banda del Pacha viene a svernare e a lavorare qui. Ma loro preferiscono definirsi un “hippie spot”, un posto di incredibile bellezza in mezzo alla natura dove tutti fanno festa a qualsiasi ora del giorno e della notte. E dove ovviamente si scia alla grandissima.

Pubblicità

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità