Bonus vacanze al via: ecco come richiedere lo sconto dal 1° luglio

bonus vacanze

Come richiedere e come funziona il bonus vacanze? Dal primo luglio, come ormai tutti sanno, è possibile fare domanda per il contributo che il Governo ha ideato per aiutare le famiglie durante l’estate post emergenza Coronavirus.
Già a metà maggio, dopo la presentazione del Decreto Rilancio, vi abbiamo parlato del bonus vacanze fino a 500 euro per incentivare le famiglie a trascorrere le ferie in Italia e sostenere le strutture ricettive che, durante l’emergenza Coronavirus, hanno perso ogni forma di entrata. Questo bonus, fruibile per l’80% come sconto immediato sulla prenotazione, è utilizzabile dal 1° luglio al 31 dicembre dalle famiglie con un ISEE inferiore ai 40mila euro. L’App per richiederlo si chiama ‘IO’ (io.italia.it) ed è l’applicazione dei servizi pubblici italiani resa disponibile da PagoPA. Ecco come funziona e come sta procedendo il bonus in questi suoi primi giorni di vita.

Come funziona e come richiedere il bonus vacanze

Il bonus vacanze è completamente digitale: non serve stampare nulla. Per ottenerlo basta registrarsi sull’App ad hoc, già disponibile sugli store Apple e Android: il nome del programma per smartphone è ‘IO, l’app dei servizi pubblici’. Su questa App, a partire dal primo di luglio, è possibile richiedere il bonus. Sull’App verranno indicati tutti gli alberghi, villaggi turistici, campeggi e bed and breakfast italiani compatibili con il bonus vacanze fino a 500 euro. Altrimenti è possibile informarsi telefonicamente e chiedere alla struttura se il bonus vacanze viene accettato o meno.

Per richiederlo, almeno un membro del nucleo familiare deve essere in possesso di una Carta d’identità elettronica o un’identità digitale SPID.
Il primo passaggio consiste nell’accedere all’App inserendo le credenziali CIE o SPID (essenziali anche per ottenere il buono mobilità). Se siete alla prima registrazione, è necessario impostare un PIN o un riconoscimenti biometrico. Successivamente ci si deve spostare nelle sezioni “pagamenti” e “aggiungere un nuovo bonus/sconto” dell’applicazione, dove si fornisce il proprio ISEE (non deve superare i 40mila euro per famiglia) collegandosi alla banca dati dell’INPS. Per calcolare l’ISEE serve la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU). A quel punto l’App, nel caso in cui ci fossero i requisiti, permetterà di richiedere il contributo. Una volta che avete ottenuto e attivato il bonus vacanze (consiste in un codice associato a un QR code), dovrete esibirlo via smartphone al momento del pagamento del soggiorno presso la struttura dove avete effettuato la prenotazione. Infine l’albergatore, che successivamente verrà “rimborsato” dallo stato (sotto forma di credito d’imposta in compensazione con un modello F24), provvederà a fare uno sconto immediato sull’importo totale. In questo documento dell’Agenzia delle Entrate trovate tutti i dettagli sull’erogazione del bonus.
>> LEGGI ANCHE: Vacanze in Val d’Ultimo: perché andarci secondo Dominik Paris 

In cosa consiste il bonus vacanze fino a 500 euro

Il bonus vacanze sarà fruibile per l’80% come sconto immediato sui servizi dell’albergo o del villaggio turistico presso il quale abbiamo prenotato, mentre il 20% sarà scaricato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi (grazie alla fattura elettronica): questa operazione dovrà essere effettuata dal componente del nucleo familiare che ha fornito le proprie credenziali SPID. Lo sconto potrà essere utilizzato da un solo membro della famiglia (che non deve essere per forza colui che ha fatto la richiesta) ed è valido per una singola prenotazione sul territorio italiano. In poche parole, bisogna “spenderlo” tutto in una volta.
L’importo del bonus cambia a seconda della numerosità della famiglia: massimo 500 euro per un nucleo familiare da tre o più persone, 300 euro per due persone, 150 euro per una persona. Un esempio: per una famiglia composta da almeno 3 persone, su 1000 euro di spesa (d’intesa con il fornitore del servizio) 400 euro saranno scontati immediatamente e 100 verranno recuperati nella successiva dichiarazione dei redditi.

Come sta andando il bonus vacanze

Dario Franceschini, Ministro per la Cultura e il Turismo, ha spiegato che nelle prime 12 ore 72.295 nuclei familiari hanno chiesto e ottenuto il bonus vacanze senza intoppi. Sui social pochi utenti hanno lamentato problemi tecnici con l’App, quindi sotto questo aspetto pare stia andando tutto nella direzione giusta. La principale critica delle ultime ore è la seguente: poche strutture ricettive accettano il bonus vacanze, e chi lo accetta chiede spesso un numero minimo di notti (vincolando di fatto i turisti).
(Foto: Pixabay / Pexels)

Se stai cercando idee per passare l’estate in Italia, dai un’occhiata qui:

> se hai trovato interessante questo articolo, iscriviti alla nostra newsletter compilando il form qui sotto!

©RIPRODUZIONE RISERVATA