Come pulire la CamelBak

Come pulire la CamelBak

Pulire la CamelBak è uno degli argomenti più gettonati sui forum dedicati agli sport all’aperto. E le risposte collezionano consigli non sempre consigliabili. Ecco perché il leader mondiale dell’idratazione a mani libere ha voluto chiedere ai propri ingegneri ed esperti di prodotto come fare la manutenzione della sacca idrica garantendo igiene, pulizia e durata nel tempo ed eliminando germi, batteri e virus nonché i cattivi odori: evitare ristagni e depositi significa infatti tenere lontani muffe e batteri e poter usare la stessa sacca per molti e molti anni.

Come pulire la CamelBak

La cosa migliore è sempre acquistare, insieme alla sacca, anche un kit di pulizia dedicato (costa una decina di euro). Le spazzole sono il modo migliore per lavare tutte le aree del serbatoio. Per pulire, consigliamo di usare acqua e sapone e di asciugare a fondo la sacca dopo ogni singolo uso, soprattutto se utilizzata con sostanze diverse dall’acqua (c’è anche una pagina con le istruzioni per la pulizia dei prodotti).

Uno degli slogan di CamelBak a cui l’azienda tiene maggiormente è “taste water, not plastic!“: tutti i suoi prodotti sono realizzati per essere inodori e insapori: ma come avere una sacca senza gusti o odori sgradevoli?
Il cattivo gusto dell’acqua è in genere dovuto a una sacca idrica di plastica scadente, oltre che all’igienizzazione: un sapore sgradevole può essere il segnale di sostanze chimiche nocive per l’organismo. Quando si sceglie una sacca idrica (ne abbiamo parlato anche qui) occorre tenere a mente questo aspetto. Le sacche idriche di CamelBak sono prive di bisfenoli (BPA, BPS e BPF: qui un approfondimento scientifico su cosa sono e perché sono pericolosi). CamelBak ha inoltre sviluppato la tecnologia antibatterica proprietaria Hydroguard, incorporata nelle pareti e nei tubi dei suoi serbatoi, che inibisce la crescita di quei batteri che causano odori, scolorimento e deterioramento del serbatoio.
Se la sacca idrica che si possiede non soddisfa queste caratteristiche, si può provare a combattere l’effetto-plastica riempendo per 3/4 la sacca con acqua calda e inserendo un cucchiaio di bicarbonato di sodio, lasciando poi riposare per circa 45 minuti. Non dimenticandosi, poi, di risciacquare bene (il procedimento lo abbiamo spiegato nel dettaglio qui).

Come eliminare le muffe dalla sacca idrica

La sacca idrica va conservata pulita e asciutta. Alcuni sportivi tengono i loro serbatoi vuoti nel congelatore. Se si lasciano depositi nella sacca per lungo tempo o se la si usa con liquidi diversi dall’acqua, senza pulirla adeguatamente, potrebbero crearsi delle muffe. Per rimuoverle si possono usare acqua calda e due cucchiai di bicarbonato di sodio, o di candeggina. Tieni il serbatoio in alto e premi la Big Bite Valve, per permettere alla soluzione di scorrere anche nel tubo; lascia poi riposare il detergente per 30 minuti. Al termine lava il serbatoio con acqua calda e sapone neutro e sciacqua abbondantemente. Asciuga all’aria per evitare ristagni di umidità.

Come riporre la sacca Camelbak dopo l‘uso

Riporre correttamente l’attrezzatura ne allunga la durata. Ecco dunque come comportarsi con la sacca idrica. Dopo averlo lavato e asciugato, appendere il serbatoio a testa in giù. È fondamentale che la sacca resti aperta e rigonfia, senza che le superfici interne combacino tra loro, per permettere all’aria di tenerla asciutta. Staccare il tubo: anch’esso deve respirare.Si può in alternativa riporre la sacca vuota e aperta in freezer.

Come pulire il tubo della Camelbak

Le sacche idriche di CamelBak sono prodotte con un sistema di aggancio e sgancio rapido del tubo, che permette di conservarlo separatamente e di farvi circolare l’aria. Sono in commercio anche scovolini progettati per pulire internamente il tubo. Per svuotare il tubo delle gocce residue, si può altrimenti soffiarvi dell’aria, oppure puoi farlo roteare sopra la testa tenendolo a un’estremità, sfruttando la forza centrifuga. Un sistema per scollegare un tubo privo di meccanismo di sgancio (o per togliere la Big Bite Valve), è immergere 5-10 minuti l’estremità del serbatoio in acqua calda: questo ammorbidisce la plastica e facilita lo stacco del tubo. La stessa cosa per riattaccarli: immergi le parti in acqua calda prima di incastrarle insieme; nel raffreddarsi la plastica si rassoda e sigilla la giuntura.

Che detergenti utilizzare per pulire la Camelbak?

CamelBak rende disponibili detergenti studiati appositamente per la plastica delle sue sacche idriche. In alternativa puoi usare acqua e sapone neutro.

La sacca appena acquistata è da lavare?

Si consiglia sempre di lavare un prodotto appena acquistato. Per farlo, riempi il serbatoio a metà di acqua e sapone neutro, agitalo ben bene, sollevalo e pinza la Big Bite Valve in modo da far scorrere il detergente anche nel tubo. Al termine sciacqua via la soluzione detergente dal serbatoio e dal tubo: il serbatoio è pronto all’uso.

Che liquidi posso mettere nella sacca idrica?

La sacca può contenere anche sostanze diverse dall’acqua ma consigliamo di porre particolare attenzione alla pulizia, dopo l’uso. Alcuni sportivi la utilizzano con integratori o succhi di frutta. In caso di escursioni a temperature estremamente basse, un piccolo goccio di alcool può impedire il congelamento dei liquidi. Se volete avere acqua molto fredda è possibile aggiungere del ghiaccio. È anche possibile trasportare bevande calde, ma si suggerisce di non usare acqua bollente.

Le sacche idriche CamelBak

CamelBak è l’inventore delle sacche idriche ed ha sviluppato un consistente bagaglio di conoscenze e brevetti. È oggi una delle pochissime aziende sportive al mondo a produrle in stabilimenti di proprietà. CamelBak utilizza materiali esclusivi e tratta le sacche idriche con tecnologia antibatterica. Le sacche vengono sottoposte a test severissimi, come mostra -simpaticamente- questo video

La sua linea CRUX offre capienze tra 1,5 e 3 litri, formati classici e lombari e disegni che si adattano alle differenti discipline outdoor. La Big Bite Valve è in silicone alimentare ed autosigillante; una levetta di lock/unlock la rende a prova di goccia. Il tubo idrico ha un meccanismo di aggancio/sgancio rapido al serbatoio tramite Quick Link System. Le dimensioni generose dell’imboccatura del serbatoio (probabilmente la più ampia sul mercato) facilitano riempimento, svuotamento e pulizia interna. Una maniglia ergonomica rigida permette il carico dell’acqua con una sola mano. Il tappo si apre e chiude con un mezzo giro. Una scanalatura termosaldata al centro (ad eccezione del modello da 1,5 L) provvede alla ripartizione uniforme dell’acqua sui due lati del serbatoio, evitando il fastidioso effetto “palla” sulla schiena a zaino carico. Grazie ad essa, inoltre, la sacca non affloscia sul fondo man mano che si svuota. Le sacche idriche CRUX sono presenti negli zaini CamelBak prodotti dal 2017 in poi, alloggiate in tasche apposite ed estraibili.

©RIPRODUZIONE RISERVATA