3 consigli per visitare la Scozia d’autunno

lady-marys-walk_visitscotland

Sia per una toccata e fuga da week end, sia per per una piccola vacanza, l’autunno è una stagione ideale per visitare la Scozia e goderne lo splendido paesaggio, immergersi nella sua storia e nelle sue leggende e farsi coinvolgere dalle sue magiche atmosfere e, perché no, da una buona birra. La Scozia e le sue Highlands non sono un obbiettivo così lontano e inarrivabile. Ecco 3 proposte per tutti i gusti.

>Leggi anche Trekking in Scozia: la West Highland Way

stargazing-clattershaws_visitscotlandL’arte e la natura nel Dumfries e Galloway

Si tratta di una tappa ideale per chi ama gli spazi aperti e infatti il Dumfries e il Galloway offrono un paesaggio naturale che emoziona. Enormi distese di campagna lussureggiante, verdi foreste e litoriali. Particolari e uniche le opere d’arte immerse nella natura come gli Striding Arches di Andy Goldsworthy sono archi scolpiti in arenaria creati appositamente per l’ambiente in cui sono inseriti e situati attorno a Cairnhead. Disseminati in aperta campagna e sui versanti delle colline, alcuni sono raggiungibili con passeggiate piuttosto impegnative e sono perfetti per chi ama l’escursionismo, pertanto preparatevi all’ascesa con un buon picnic e un thermos di tè nello zaino.

Le opere grandiose non sono solo realizzate dell’uomo e un esempio è dato dal meraviglioso cielo notturno che si può ammirare in questa zona della Scozia. Allo Scottish Dark Sky Observatory, a Dalmellington, prenotando in anticipo, potrete emozionarvi sotto migliaia di stelle e costellazioni, anche senza l’ausilio di un telescopio.

Dove dormire e come arrivare

Moltissimi e deliziosi i villaggi in questa zona come Sanquhar e Thornhill, così come ricca è l’offerta di B&B dove apprezzare il gusto autentico della vita della campagna scozzese. Questa parte del Dumfries e Galloway è facile da raggiungere. In auto, dista solo un’ora da Glasgow e un’ ora e 40 minuti da Edimburgo.

>Leggi anche Gli Highland Games, tra prove di forza, canti, balli e…fiumi di birra

queens-view-loch-tummel_visitscotlandI magnifici colori del Perthshire

Oro, rosso, arancione, giallo sono le sfumature di colore, tipiche della stagione, nel quale è possibile immergersi nel Perthshire, contea scozzese che, come dicono da queste parti, indossa con fascino l’autunno come nessun altro posto. Noto come il ”Big Tree Country”, qui il paesaggio si trasforma quando l’estate se ne va e le foglie cominciano a cambiare colore. Un luogo ricchissimo di sentieri escursionistici di tutti i livelli, dove potrete ammirare scene boschive dai caldi colori ramati, come The Hermitage a Dunkeld e Loch Tummel, a ovest di Pitlochry.

In questa parte della Scozia, così come in molte altre, è d’obbligo visitare una distilleria di whisky come in questo caso la Glenturre Distillery, dove degustare un buon bicchiere di Famous Grouse, non prima di aver percorso la Lady Mary’s Walk lungo il fiume Eanr. Prima, non dopo perché il tasso alcolico potrebbe creare dei seri problemi, i più atletici possono arrampicarsi sulla cima  del Knock of Crieff e da lì ammirare le vedute mozzafiato di Strathearn. Altro itinerario per una passeggiata in mezzo alla natura è quello lungo il sentiero accanto al fiume Lednock fino ad arrivare al Deil’s Cauldron, una cascata di sorprendente bellezza.

Dove dormire e come arrivare

Anche in questo caso per soggiornare c’è l’imbarazzo della scelta. Hotels adatti alla famiglie, ma anche tradizionali cottage in pietra e chalet in legno che trovate nei tanti villaggi della zona. Perthshire dista, in auto, un’ora da Glasgow e un’ora e mezza da Edimburgo.

>Leggi anche Planet Earth II, quando la natura lascia senza fiato

traquair-house-brewery-ale_visitscotlandUna buona birra negli Scottish Borders

Gli Scottish Borders sono un luogo nel quale non potrete evitare di star lontano da un’ottima pinta di birra. Birrifici e pub rurali sono il ‘paradiso’ per chi desidera partecipare ad un tour di degustazione. A Kelso troverete il Rutherfords, il primo micropub scozzese, specializzato in birre artigianali in condizioni ottimali di conservazione. A seguire, se ce la fate, vale anche una visita alla Tempest Brewing Co. Brewery Tap o al The Cobbles dove provare anche i piatti della gastronomia locale.

Altri ‘obiettivi’ possono essere la Traquair House che vanta un birrificio sotterraneo posto proprio sotto la sua cappella. Il suo proprietario ha iniziato a produrre birre negli anni 60. Presso l’Ancrum Cross Keys Inn si possono invece assaggiare le birre prodotte dalla dalla Born in the Borders Brewery.

>Leggi anche 7 consigli per farsi la birra in casa

Dove dormire e come arrivare

Negli Scottish Borders sono ricche si posti dove soggiornare, comprese alcune graziose locande rurali. Esiste anche la possibilità di prenotare una stanza al Peebles Hydro, sede della Freewheelin’ Brewery. Per arrivare in questa contea, da Edimburgo viaggiando in treno sulla Borders Railway si arriva a Tweedbank; in auto è a un’ora e mezza da Glasgow e a un’ora da Edimburgo.

>Leggi anche 10 viaggi in treno davvero mozzafiato

La guida

Il sito ufficiale sul quale informarsi più approfonditamente, sia su queste mete, sia sulla Scozia in generale, è quello dellente turistico nazionale della Scozia e dove è possibile trovare informazioni su destinazioni, alloggi, eventi e info di servizio. Utile e sempre importante portare con se’ una guida cartacea e tra queste ne segnaliamo due: Scozia (Lonely Planet) e Scozia – Le Guide Routard

 

Photo credits: visitscotland.com

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA