Correre ci fa vivere più a lungo

La prossima volta che ci prende la pigrizia e il pensiero di passare il pomeriggio sul divano invece che fare una bella corsa al parco, forse conviene pensarci due volte.

È ciò che consiglia una nuova ricerca della Iowa State University, la quale afferma che correre regolarmente riduce il rischio di morte dovuto a malattie cardiovascolari. E fino a qui nessuna novità eclatante; ciò che invece interessa è che i ricercatori hanno notato gli stessi benefici fisici  pur al variare della durata e della velocità della corsa.

> Leggi anche: Correre rende più intelligenti

In altre parole, l’importante è correre. Non preoccupatevi quindi se non riuscite a fare più di quel paio di chilometri a una velocità da tartaruga: i vantaggi per il vostro corpo saranno gli stessi dei vostri amici più atletici che tagliano il traguardo di una maratona.

> Leggi anche: Cominciare a correre: i 10 consigli fondamentali

I ricercatori si sono basati sull’osservazione di più di 50 mila persone adulte, seguite per una media di 15 anni e le cui abitudini sportive venivano annotate tramite questionari. I risultati della ricerca dimostrano come i corridori hanno vissuto in media tre anni più dei non-runner.
Inoltre, coloro che correvano meno di un’ora a settimana hanno manifestato gli stessi benefici di chi correva per tre o più ore alla settimana.

> Leggi anche: 5 motivi per correre in compagnia

Il team di ricerca ammette che i risultati di uno studio basato sull’osservazione non possono ritenersi attendibili come altri tipi di studi, non per questo tuttavia i dati raccolti non potrebbero dare luogo in seguito a ricerche più approfondite.

Credits: SiWallPaper

©RIPRODUZIONE RISERVATA