Correre nei boschi: il Parco della Brughiera Briantea

Un sentiero nel bosco nel Parco della Brughiera Briantea

Durante la settimana è difficile, con tutti gli impegni che abbiamo, ma nel weekend o quando abbiamo qualche ora libera ci piace andare a correre anche nei boschi. Per cambiare paesaggio e panorama, per allenarci a correre anche su fondi diversi dal solito asfalto, per evitare di respirare lo smog delle auto che ci sfrecciano accanto e riempire i polmoni di aria sana.

Ultimamente abbiamo scoperto il Parco della Brughiera Briantea, una grande area boschiva di ben 2600 ettari che si distende tra le province di Monza e Brianza e Como, a pochi minuti e praticamente equidistante da Milano, Lecco e il capoluogo lariano, con numerosi sentieri ben segnalati e comodi punti di accesso lungo tutto il perimetro del parco.

Si corre tra robinie e latifoglie come i ciliegi, i tigli e gli aceri campestri, e proprio perché è l’unica grande area verde e tutelata tra aree molto urbanizzate, è anche il rifugio di numerose specie animali (come gli scoiattoli) che non penseremmo minimamente di trovare sul nostro percorso.

Ecco la numerazione ufficiale dei sentieri, con i loro punti di accesso:

1. Da Copreno al Boscaccio
2. Da Lentate sul Seveso a Carimate nella Valle del Seveso
3. Da Cabiate a Mariano Comense (variante località Ipporonco)
4. Da Cabiate a Mariano Comense (variante Torrente Valletta)
5. Da Camnago a Cabiate
6. Dalla Cascina Colombera (Meda) alla Zoca dei Pirutit
7. Da Meda a Mariano Comense
8. Da Cermenate a Minoprio
9. Nella valle del Seveso (da Asnago a Carimate)
10. Da Carimate a Cantù
11. Lungo la valle del Serenza (da Carimate a Cascina Moia)
12. Da Cascina Amata (Cantù) a cascina San Martino, attraverso la brughiera
13. Da Brenna a Cascina Amata, tra i boschi di pino silvestre
14. Da Carugo a Pozzolo (Figino Serenza), attraverso il pianalto e la valle di Brenna
15. Percorso di Brenna, dalla valle Sorda alla valle di Brenna
16. Percorso dei fontanili, Riserva Naturale Fontana del Guercio e fontanile Testa del Nan

Attenzione: come ci diranno gli agricoltori che potremmo incrociare all’inizio dei percorsi, non lasciamo mai nulla di valore nelle automobili parcheggiate alla partenza dei sentieri. Anche nei parchi purtroppo si annidano i malintenzionati.

©RIPRODUZIONE RISERVATA