Dolomiti: le escursioni nei luoghi della Prima Guerra Mondiale

A Cortina d’Ampezzo, nella zona del Passo Falzarego, è stato realizzato il più esteso Museo all’aperto della Grande Guerra: è composto dai musei all’aperto del Lagazuoi, delle 5 Torri, del Sasso di Stria e dal museo del Forte Tre Sassi. L’area museale è raggiungibile a piedi o in mountain bike, si estende in un raggio di 5 Km e permette di conoscere i diversi aspetti della Grande Guerra in montagna camminando lungo i sentieri che collegano trincee e postazioni sui due fronti. È aperto da maggio a ottobre.

Per informazioni
cortina.dolomiti.org
www.lagazuoi5torri.dolomiti.org

1914-2014: sono passati 100 anni dall’inizio della Prima Guerra Mondiale, e numerose saranno le commemorazioni per un evento tanto tragico quanto cruciale nella storia dell’Europa e del nostro Paese. Uno dei teatri di battaglia più duri fu il confine tra Italia e Impero Austroungarico a cavallo delle Dolomiti, e ancora oggi i Monti Pallidi custodiscono gelosamente numerose testimonianze di quelle vicende e il ricordo delle sofferenze di migliaia di uomini: trincee, gallerie, postazioni, oggi in gran parte recuperate e rese nuovamente percorribili, sono divenute dei veri e propri musei a cielo aperto, monito della tragicità della guerra.

Clicca ‘Mi Piace‘ e segui anche la nostra pagina Facebook Sportoutdoor24

©RIPRODUZIONE RISERVATA