Freni a disco o a pattini per la MTB: differenze e vantaggi

Tra le cose da valutare quando si vuole comprare una MTB c’è l’impianto frenante. Attualmente il mercato delle mountain bike si divide tra freni a disco, per lo più idraulici, e freni a pattini, i tradizionali cantilever. Ovviamente tra freni a disco e a pattini per la MTB ci sono non poche differenze, in termini di prezzo, capacità frenante, modo di frenare e manutenzione ed è importante valutare vantaggi e svantaggi in relazione all’uso predominante che si vuole fare della propria mountain bike.

Freni per la MTB: le differenze tra a disco idraulici e cantilever a pattini

Se entrambi i sistemi di frenatura sfruttano lo stesso principio, quello dell’attrito tra due corpi per generare la frenata, tra freni a disco idraulici e a pattini ci sono profonde e sostanziali differenze. Nei freni a pattino il corpo che genera attrito sono appunto i pattini, composti di mescole di gomma che possono essere di migliore o inferiore qualità, che vanno in battuta contro il cerchio della ruota, o meglio contro la sua pista frenante, generando attrito e calore e consumandosi progressivamente. Nei freni a disco il corpo frenante è la pastiglia, più o meno simile nella composizione e nell’azione a quella delle automobili, che aderisce al rotore, il disco in acciaio o in leghe d’acciaio che si trova al lato del mozzo della ruota. Tra freni a disco e a pattini è diverso anche il modo in cui si attua l’azione frenante: nei freni a pattini l’azionamento della frenata avviene tramite un cavo metallico a cui si applica tensione azionando la leva del freno e che quindi lavora a trazione, cioè tirando; nei freni a disco idraulici l’azionamento dell’impianto avviene attraverso un cilindro che spinge l’olio dei freni dentro un tubicino facendo premere i pistoni su cui sono montate le pastiglie, e quindi il sistema lavora per compressione e non per trazione come spiegato qui. Fin qui le differenze evidenti tra i due sistemi.

Prima di vedere vantaggi e svantaggi della loro azione potresti approfondire le differenze tra le diverse discipline della MTB:

Freni per la MTB: vantaggi e svantaggi tra freni a disco e a pattini

La prima differenza su cui calcolare vantaggi e svantaggi tra i freni a disco e quelli a pattini per la MTB è la distribuzione della frenata. Intuitivamente, per arrestare una bicicletta, bisogna applicare una forza frenante pari a contrastare la velocità di avanzamento della ruota e tra freni a disco e a pattini c’è una sostanziale differenza nel modo in cui questa forza viene applicata alle ruote.

Differenze di frenata tra freni a disco e a pattini nella MTB

Nei freni a disco la forza frenante è applicata sul mozzo e da qui si diffonde uniformemente lungo i raggi fino a raggiungere il cerchio in modo omogeneo; nei freni a pattini bisogna immaginare la ruota divisa in 4 spicchi uguali e sapere che l’azione frenante viene applicata su uno solo, i cui raggi corrispondenti vanno in trazione mentre quelli dello spicchio opposto vanno in compressione, generando quindi una frenata più brusca e più difficile da gestire rispetto ai freni a disco. Su questo aspetto influisce però anche il modo in cui si aziona la frenata tramite le leve freno.

> Prima di proseguire sull’argomento freni potrebbe interessarti qualche consiglio su abbigliamento e attrezzatura per la MTB:

Azionamento della frenata in MTB tramite le leve: differenze tra freni a disco e a pattini

Per capire le differenze tra freni a disco e a pattini quando si aziona la frenata in MTB bisogna sapere prima di tutto che le leve offrono un vantaggio meccanico, cioè moltiplicano in qualche modo la forza che si imprime sulle leve e si applica sul sistema frenante. Nei freni a pattini a trasferire questa forza moltiplicata sono dei cavi d’acciaio a cui si imprime una tensione: nel tempo il cavo metallico tende a perdere elasticità, riducendo la possibilità di modulare la frenata. Nei freni a disco le leve azionano un cilindro che a sua volta preme dell’olio che a sua volta spinge la pinza che aziona le pastiglie: essendo l’olio un fluido non perde le sue caratteristiche fisiche (a meno di intromissioni di altri materiali, come acqua, per cui si rende necessario lo spurgo) e mantiene costante nel tempo la sua capacità di modulare la frenata.

> Insieme ai freni potresti valutare anche altre caratteristiche importanti da considerare prima di acquistare una MTB:

Vantaggi e svantaggi tra freni a disco e a pattini per la MTB

Se tutto quanto detto sopra vale in generale e per qualsiasi tipo di bicicletta, comprese quelle da strada, in MTb bisogna poi considerare le condizioni specifiche in cui si usa la bici: sporco, fango, acqua, detriti e polvere sono l’ambiente naturale di utilizzo di una mountain bike e va da sé che in queste condizioni un freno a disco mantenga intatta la sua capacità frenante e il modo in cui la applica mentre i pattini potrebbero veder compromessa la loro azione frenante sia in termini di efficacia che di modularità. Quindi se si pensa di acquistare una MTB per fare qualche sterrato collinare o strade bianche può andar bene anche la scelta dei freni a pattini ma se si pensa di fare del flow, di usare la MTB in boschi con attraversamento di corsi d’acqua, di usarla con ogni condizione di tempo o, in generale, di farne un uso quasi agonistico, è consigliabile senza dubbio indirizzarsi sui freni a disco idraulici.

C’è da dire anche che i freni a pattini tendono a consumarsi più in fretta, per una questione di consuzione meccanica del materiale, ma la manutenzione è più semplice (almeno se si tratta di centrarli dopo un urto o cambiare i pattini; diverso il caso in cui occorra cambiare i cavi metallici). I freni a disco sono più costosi, quelli idraulici necessitano di maggior manutenzione (ma ci sono in giro anche quelli meccanici, che possono ancora essere un buon compromesso) e sono anche più complicati da gestire nel caso in cui si debba smontare la ruota, per una foratura o per trasportare la bicicletta.

> Leggi anche:

Credits photo: CC Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *