Come fanno gli esseri umani a camminare diritti: con l’olfatto stereo

gli-esseri-umani-camminano-con-lolfatto-stereo

Segui il naso, non mente mai: gli esseri umani camminano mantenendo la direzione usando una sorta di olfatto stereo. Si pensa che la navigazione umana si basi principalmente sulla visione e l’udito: il cervello capta le sottili differenze tra gli input per gli occhi e quelli per le orecchie e costruisce esperienze tridimensionali che guidano la navigazione, ovvero il modo in cui ci muoviamo mantenendo la direzione. E si crede che gli input che arrivano al nostro naso in realtà non aiutino a muoverci nello spazio. Ora un nuovo studio condotto dal’Istituto di psicologia dell’Accademia delle scienze cinese e pubblicato su Pnas sostiene il contrario.

Gli esseri umani camminano con l’olfatto stereo

Sebbene gli esseri umani abbiano anche i due passaggi nasali separati che campionano simultaneamente regioni non sovrapposte nello spazio, si ritiene che le differenze fra le narici nella concentrazione degli odori non forniscano informazioni utili agli esseri umani per mantenere la direzione. A meno che quell’odore non stimoli anche il nervo trigemino (cioè, susciti caldo, sentimenti freddi, speziati, formicolanti o elettrici), in modo da spingere il sistema trigemino a darci un segnale direzionale.
Gli accademici cinesi hanno condotto un esperimento sullo stimolo visivo di 180 partecipanti, utilizzando odori come l’alcool feniletilico e la vanillina (odori di rosa e vaniglia noti per attivare solo il nervo olfattivo). Hanno così scoperto sorprendentemente una tendenza a distorcere la percezione del senso di auto-movimento in modi che ricordano la visione stereo (cioè, la stereopsis binoculare).
“Il nostro lavoro presenta chiare prove comportamentali che gli esseri umani hanno un senso dell’olfatto stereo che guida inconsciamente la navigazione”, ha affermato il dott. Zhou Wen, uno degli autori dello studio. “I risultati sottolineano la natura multisensoriale della percezione della direzione e potrebbero fornire indicazioni per la progettazione e lo sviluppo di sistemi olfattivi di realtà virtuale per l’uomo”.
(foto Free-Photos pixabay)

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA