La nuova linea Gore Wear per il running

Nuova Linea Gore Wear Running

C’era un po’ di confusione sotto il cielo di Gore: c’era e c’è sempre la membrana Gore-Tex, che si trova come ingrediente in capi d’abbigliamento e calzature di marchi terzi, e poi c’erano le due linee Gore Running e Gore Bike che a volte usavano la membrana, come nel caso della giacca Shakedry, altre volte il Windstopper, sempre di Gore, e altre ancora dei tessuti tecnici sviluppati dallo stesso marchio americano con tutte le caratteristiche di morbidezza, traspirabilità, rapida asciugatura e funzionalità che chi li ha provati ha imparato ad apprezzare.

Ma a parte alcuni capi davvero specifici, come le salopette o i pantaloncini da ciclismo, le differenze tra le due linee non erano così evidenti all’occhio di un utente poco tecnico (come nel caso delle giacche della linea Mythos di qualche anno fa o ancora la Shakedry nella versione running e in quella ciclismo) e anzi, talvolta, erano proprio gli stessi sportivi a farne un uso versatile. Che poi è un trend di cui si è accorta la stessa Gore, commissionando una ricerca da cui è emerso che il 55% dei ciclisti oggi sono anche runner e il 77% dei runner sono anche ciclisti.

Da qui l’idea e l’esigenza di ripensare l’intera collezione e anche il modo in cui proporla sul mercato, unificando il tutto sotto uno stesso nome – Gore Wear appunto -, distinguendo dove necessario tra i 2 sport (in etichetta R sta per running e C per cycling) e per livello di tecnicità: il livello 3 è quello base, per gli utilizzatori cosiddetti active, il 5 è quello intermedio per gli avanzati e il 7 assicura il massimo della tecnicità per gli agonisti, gli esperti o semplicemente i più esigenti.

Cosa significa tutto ciò? Che se sei uno di quegli sportivi active a cui piace praticare sport qualche volta a settimana alternando bici e corsa potresti scegliere una t-shirt C3 o R3 e usarla indifferentemente per pedalare e correre sapendo che la qualità dei materiali è pari ai modelli C7 o R7 mentre per design e dettagli tecnici c’è un po’ meno enfatizzazione. Se invece punti maggiormente alle prestazioni è ai modelli R5 o R7 che ti devi indirizzare per avere il massimo della specificità e della tecnicità.

I capi della nuova linea Gore Wear per running e ciclismo

Vediamo allora un po’ più nel dettaglio alcuni dei capi di questa nuova collezione Gore Wear per running, compresi quelli che abbiamo avuto modo di provare in occasione del lancio con la presenza di Daniel Jung, l’ultra runner del team Gore che per primo alterna per i suoi allenamenti corsa, anche in montagna, ciclismo, su strada e MTB, e sci tra le montagne del suo alto Adige.

Giacca Windstopper R3

È una giacca leggera, con il tessuto Windstopper che ferma l’aria, estremamente versatile (maniche e cappuccio si staccano trasformandola in un gilet) in modo da usarla quando si corre, in bici o da mettere nello zaino in previsione di un’escursione: è traspirante, blocca il vento, ripara dall’acqua (ma no, non è impermeabile come le giacche con la membrana Gore-Tex) e ha pratiche tasche e dettagli riflettenti.

Costa 199 euro ma si può trovare anche a 160 euro in base ai colori.

Gore Wear_Giacca Windstopper R3

T-shirt running Gore Wear R3

T-shirt da running, morbida e traspirante, dalle linee essenziali e collo stondato, adatta per correre (anche la sera, grazie ai loghi ad alta visibilità) ma anche per il fitness o come primo strato durante trekking o trail running in montagna.

Costa 49 euro.

Gore Wear_T-shirt R3

Pantaloncini 2 in 2 Gore Wear R3

I pantaloncini da running nella loro versione più essenziale e qui nel modello da donna, leggerissimi, traspiranti, con una morbida fascia elastica in vita, un pratico taschino posteriore e i dettagli ad alta visibilità.

Costano 65 euro ma in base alle colorazioni si possono già trovare a meno di 50.

Gore Wear_Pantaloncino R3

Pantaloncini 2 in 1 Gore Wear R5

Il modello da uomo dei pantaloncini 2 in 1 Gore Wear, nella versione R5, con la stessa morbidezza e traspirabilità del tessuto ma dettagli già più tecnici come la calzamaglia integrata, gli inserti in rete per ottimizzare la ventilazione e il taglio slim.

Costano 53 euro.

Gore Wear_Pantaloncino R5

T-shirt R5 Gore Wear

La maglia da running per correre quando fa caldo, con la schiena in rete per la massima ventilazione, il taglio spiccatamente femminile e un tessuto morbido, leggero e traspirante a rapida asciugatura per non rimanere inzuppato. Si può anche indossare per un trekking o per una sessione di fitness all’aperto.

Costa 59 euro.

Gore Wear_T-shirt R5

Gilet Windstopper Gore Wear R5

La giacca Windstopper per il running c’è anche in versione gilet R5, qui nel modello femminile con taglio sciancrato, resiste ad aria e acqua, col collo alto, dettagli ad alta visibilità e taschino interno con uscita per gli auricolari. Si può anche indossare per un trekking, sotto lo zaino, o in MTB.

Costa 119 euro ma si può trovare anche a meno di 100.

Gore Wear_Gilet Windstopper R5

Gore Wear R7 giacca Windstopper

La versione più tecnica della giacca Windstopper, nel modello da uomo: è un guscio morbido e leggero, che ripara da vento e pioggia leggera, con tasca tecnica Napoleone con zip ideale anche per il trail running, orlo elasticizzato, grafiche ad alta visibilità sulle maniche, cappuccio anatomico e vestibilità molto fit.

Costa 199 euro.

Gore Wear_Giacca Windstopper R7

T-shirt Gore Wear R7

La più tecnica delle t-shirt per il running, ma anche per il fitness più esigente o i trekking più impegnativi, leggerissima, molto traspirante e ad alta visibilità.

Costa 89 euro.

Gore Wear_T-shirt R7

Pantaloncino 2 in 1 Gore Wear 7 da donna

Il pantaloncino 2 in 1 per il running e il trail nella sua versione più tecnica, con taglio che garantisce grande libertà di movimento, 2 tasche laterali per i gel e gli integratori, cuciture piatte, tessuto morbido, elasticizzato e traspirante, inserti in rete per aumentare la ventilazione e ampio girovita per il massimo comfort.

Costano 69 euro.

Gore Wear_Pantaloncino R7

©RIPRODUZIONE RISERVATA