Dove osservare le stelle: La Palma, la riserva astronomica mondiale alle Canarie

la-palma-canarie-stelle

 

Per osservare le stelle non c’è di meglio che La Palma, alle Canarie: è la prima ‘riserva astronomica’ mondiale, qui, grazie alla posizione sull’Oceano Atlantico le stelle sembra si possano toccare con le mani. E ci sono strutture ad hoc come un osservatorio astronomico, sentieri delle stelle, telescopi e punti panoramici per osservare la luna e il cielo. Tutta l’estate è il periodo perfetto per farsi ammaliare dal cielo notturno, dalla luna e dalle stelle. E la Notte di San Lorenzo lo è ancora di più, quando si possono vedere le stelle cadenti a distanza ravvicinata. Ma si possono anche fare trekking osservando le stelle, ed esplorare l’isola seguendo il filone dell’astronomia.

 

 

 

Perché La Palma è l’isola delle stelle

La Palma è l’isola delle Canarie famosa come punto privilegiato di osservazione delle stelle e il passaggio estivo delle Perseidi, le nostre “lacrime di San Lorenzo”, non fa eccezione. La notte qui regala la stellata più luminosa del mondo e gli isolani difendono in tutti i modi questo primato. Il cielo notturno è talmente nitido che chi assiste a questo spettacolo afferma che le stelle sono molto più vicine rispetto altrove, tanto da “poterle toccare con un dito”.

La Palma è stata dichiarata prima riserva Starlight nel mondo e in tutta l’isola ci sono punti di osservazione del cielo: Llanos del Jable, Llano de la Venta e Montaña de Las Toscas sono alcuni di questi. L’intera isola ha inoltre una fitta rete di sentieri per appassionati ed escursionisti da percorrere di notte. L’osservatorio astronomico di Roque de los Muchachos può essere visitato con guide specializzate, previa prenotazione.

La Palma è la seconda isola più orientale dell’arcipelago delle Canarie e si trova in una posizione privilegiata lontana da fonti luminose. Questa caratteristica, insieme all’altitudine dell’Osservatorio astronomico che è a quota 2.396 metri sopra il livello del mare, rende l’isola uno dei migliori posti al mondo per assistere allo spettacolo delle stelle cadenti. Gli abitanti di questa piccola isola combattono per preservare questo dono di natura: una legislazione redatta nel 1988 protegge La Palma dall’inquinamento luminoso, dal traffico aereo invasivo e garantisce a tutti il diritto di goderne.

 

>> LEGGI ANCHE: Tenerife: i percorsi in MTB

 

 

Trekking osservando le stelle

Camminare di notte a La Palma è un’esperienza unica: non solo si ammira una vista chiara e ininterrotta della volta celeste, ma quando cala la sera sembra di essere inondati dalla loro luce. L’osservatorio del Roque de los Muchachos è sede di uno dei sistemi di telescopi più estesi che si possano trovare a livello globale. Il belvedere offre un panorama mozzafiato sulla Caldera de Taburiente, il più grande cratere del mondo, profondo 1.500 metri e coperto di alberi e rocce vulcaniche in formazione. Il Roque de los Muchachos ospita anche l’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC), istituto per la ricerca astronomica. Ai membri della comunità scientifica internazionale sono assegnate ore per utilizzare i suoi potenti telescopi, tra i sistemi più complessi che ci siano.

 

>> LEGGI ANCHE: Azzorre: dove fare sport, trekking e corse trail

 

 

Astroturismo a La Palma: osservare il cielo dall’Oceano

La Palma è diventata un punto di riferimento globale in termini di protezione dall’inquinamento luminoso per lo sviluppo dell’astroturismo. Si stanno facendo investimenti in questo senso, ad esempio per l’ampliamento della rete di sentieri escursionistici di La Palma e l’installazione di cartelli di segnalazione per indicare i migliori punti di osservazione notturni. Gli hotel e le case rurali stanno iniziando inoltre a fornire agli ospiti telescopi per un’osservazione diffusa. Sono già in corso i lavori di costruzione di un centro visitatori dell’osservatorio Roque de los Muchachos e del Complesso Ambientale e Ricreativo di Mendo, dove sorgerà un’infrastruttura turistica per l’osservazione astronomica e per la pratica del parapendio.

Chi vive a La Palma ama mostrare ai turisti quanto sia limpido, vicino e meraviglioso il cielo notturno della propria isola. Nel 2012, l’astrofisica Ana García Suárez ha dato vita all’operatore di astroturismo La Palma Astronomy Tours. I visitatori esperti sono accompagnati nei migliori punti di osservazione, partecipano a seminari di astronomia e seguono corsi di fotografia notturna. Aperto a tutti invece è il tour di Tapas e Stelle, un’attività che combina la gastronomia locale con l’astronomia nell’incomparabile cornice del vulcano San Antonio e del suo centro visitatori. Il clou della stagione è ovviamente la pioggia di meteore delle Perseidi, che culmina nella notte tra il 12 agosto e la mattina presto del 13 agosto.

 

 

>> LEGGI ANCHE: Lanzarote: 5 percorsi di trekking nell’isola dello sport

 

 

La Notte di San Lorenzo a La Palma

Mentre tutto ciò sta per essere allestito in attesa dei visitatori per il passaggio delle stelle cadenti, ogni sera il cielo è fonte d’ispirazione a La Palma: gli scienziati raccolgono dati sui colori delle stelle più lontane. Gli escursionisti camminano di notte col naso all’insù guardando verso il cielo; raccogliendo dalle stelle le energie per raggiungere i propri traguardi. E anche gli innamorati si abbracciano, scovando nelle stelle il proprio destino.

 

 

 

I consigli per un viaggio outdoor

 

 

Cosa portare in un trekking

Un mese o anche un weekend di trekking deve essere preparato con cura. dall’abbigliamento all’attrezzatura, alle scarpe, allo zaino. Puoi consultare le nostre guide, per capire come scegliere e prepararti all’avventura.

 

Cosa serve per una vacanza in bicicletta

 

 

(foto visitlapalma.es)

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA