Bonus bici, fondi finiti: altri 100 milioni di euro in arrivo?

bonus bici

Questa mattina, poco prima delle ore 10, sono terminati i fondi da 215 milioni del bonus bici che ha preso il via alle 9.00 del 3 novembre, giorno del click day.
In poco più di 24 ore sono stati quasi 600mila i buoni assegnati, ma le polemiche e le problematiche non sono mancate: dalle code lunghe una giornata (più di 500mila persone davanti) al sito di Poste Italiane in “down” nel momento in cui bisognava accedere allo Spid, con l’Associazione per i Diritti degli utenti e Consumatori (Aduc) che ha spiegato come richiedere i danni a Poste Italiane. Tuttavia, specialmente nella tarda serata di ieri e nella prima mattinata odierna, il minor affollamento del sistema informatico ha permesso a tanti italiani di ottenere il rimborso o il voucher, esaurendo in un batter d’occhio i circa 5 milioni di euro rimasti alle 8.30 di oggi.
Al momento, dunque, è impossibile richiedere il buono mobilità, però Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente, ha assicurato che verranno stanziate risorse aggiuntive. Cerchiamo di capire quali potrebbero essere gli scenari possibili nelle prossime settimane.

In arrivo altri 100 milioni di fondi per il bonus bici

La home del sito del buono mobilità recita: “Il Ministero dell’Ambiente è impegnato nel reperire ulteriori risorse da appostare per l’annualità 2020 del Programma sperimentale buono mobilità. Pertanto, quanti abbiano effettuato acquisti di beni e servizi incentivati dal Programma tra il 4 maggio 2020 e il 2 novembre 2020 e non abbiano ottenuto il rimborso per mancanza di risorse, sono invitati a conservare i relativi documenti contabili.
Stando a quanto scritto sul portale, si evince che i fondi aggiuntivi saranno stanziati prevalentemente per coloro che, avendo acquistato una bici o un altro mezzo ecosostenibile dal 4 maggio (giorno di pubblicazione del buono mobilità) al 2 novembre (ultimo giorno prima dell’operatività del portale), avrebbero diritto al rimborso del 60% della spesa d’acquisto. Il rimborso del beneficiario, ricordiamo, è previsto fino al 31 dicembre, al di là delle risorse stanziate. L’Ansa ha riportato che quella da 215milioni va concepita come una prima tranche: nella seconda arriveranno almeno altri 100 milioni, già appostati in legge di bilancio.
Staremo a vedere e vi racconteremo quel che succede.
[Photo by Comune di Milano / Flickr]

©RIPRODUZIONE RISERVATA