Wildlife Photographer of the Year, a Milano fino al 4 dicembre

Thomas Peschak (Germania/Sudafrica)

Lo squalo e il surfista

Dal  1° ottobre fino al 4 dicembre, la famosa mostra di fotografia naturalistica, “Wildlife Photographer of the Year”, fa tappa a Milano, presso la Fondazione Luciana Matalon (Foro Buonaparte 67), luogo suggestivo personalizzato dall’artista veneta di nascita, milanese di adozione, scomparsa lo scorso anno.

Pubblicità

La 51^ Edizione del wildlife Photographer of the Year

Un viaggio nella selvaggia e incredibile natura attraverso gli scatti che fotografi di fama mondiale hanno reso vere e proprie opere d’arte. Un viaggio iniziato nel 1965 e indetto dal Natural History Museum di Londra.  Una competizione giunta alla 51a edizione e che non perde mai il suo fascino con i 42.000 scatti realizzati da fotografi professionisti e amatoriali, provenienti da 96 paesi, che sono stati selezionati da una giuria di esperti internazionali, in base alla creatività, al valore artistico e alla complessità tecnica.

L’esposizione milanese presenta le immagini premiate nelle 20 categorie in gara, a partire dal massimo riconoscimento, il Wildlife Photographer of the Year, assegnato a “A tale of two foxes” del canadese Don Gutoski, nella categoria Mammiferi. Uno scatto che ritrae una volpe rossa mentre trascina la carcassa di una volpe artica, nel Wapusk National Park in Canada. “Ruffs on display”, foto di Ondřej Pelánek (Repubblica Ceca, sezione junior 11-14 anni) che mostra la lotta fra due uccelli maschi per l’accoppiamento e in difesa del territorio, è invece vincitrice assoluta del Young Wildlife Photographer of the Year.

> Leggi anche: Premio Audubon, le più belle foto di uccelli

I fotografi italiani in mostra

Non mancano i talenti italiani in concorso e tra questi spiccano Ugo Mellone, vincitore nella categoria Invertebrati con la foto “Butterfly in Crystal”, mentre un altro suo scatto, “The Tunnel of Spring”, è stato selezionato come finalista nella categoria Terra. Sono inoltre risultati finalisti Vincenzo Mazza con la foto Battling the Storm (categoria Uccelli) e Hugo Wassermann con lo scatto Ice Design (categoria Impressioni).

> Leggi anche: I migliori fotografi di natura e avventura da seguire su Instagram

La guida di Marco Colombo, premiato nel 2011

Una mostra che oltre a regalare emozioni, offre ai visitatori la possibilità di essere guidati nel percorso espositivo da un fotografo che questo premio l’ha vinto nel 2011, l’italiano Marco Colombo, che, insieme ad altri colleghi, sarà presente ad incontri e workshop dedicati  alla fotografia naturalistica, reportage, fotografia di viaggio e street art, fotografia subacquea, fotografia macro.

L’esposizione, organizzata dall’Associazione culturale Radicediunopercento,  regala un viaggio per immagini, le più straordinarie e uniche nell’immortalare il pianeta in tutte le sue forme in costante evoluzione; dai paesaggi incontaminati, al mondo animale, al regno botanico, le meraviglie della natura si presentano agli spettatori con scorci mai visti e punti di vista emozionanti, ma altresì con uno sguardo consapevole che diventa testimonianza visiva di un ambiente da salvaguardare e da preservare nella sua ricchezza e nella sua straordinaria diversità.

> Guarda anche: Le foto delle altre edizioni del Wildlife Photographer of the Year

Wildlife Photographer of the Year in mostra a Milano

1 ottobre – 4 dicembre 2016

Fondazione Luciana Matalon

Foro Buonaparte 67 (Di fronte al teatro Dal Verme) – Milano

Prezzi: 9 euro (ridotto 7 euro)

Orari: Martedi, mercoledì, sabato e domenica – orario continuato 10.00-19.00
Giovedì, venerdì – orario continuato 10.00-22.00
Chiuso il lunedì

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità