Patagonia contro Trump: donerà gli sgravi fiscali per l’ambiente

 

Patagonia contro Trump e i suoi tagli alle tasse. Il brand americano di abbigliamento sportivo ritiene irresponsabile la decisione del presidente americano di tagliare le tasse e durante le vacanze natalizie donerà 10 milioni di dollari derivati dagli sgravi fiscali voluti alle associazioni ambientaliste.

 

Patagonia dona 10 milioni di dollari di sgravi fiscali all’ambiente

Rose Marcario, CEO di Patagonia, ha dichiarato in un post su Linkedin: “Sulla base dell’irresponsabile taglio alle tasse del governo americano, Patagonia dovrà meno al fisco, 10 milioni in meno. Invece di rimettere questi soldi nel nostro business, rispondiamo restituendo 10 milioni all’ambiente. Il nostro pianeta-casa ne ha bisogno più di noi”.
La Macario fra l’altro ha da poco fatto causa a Trump per la riduzione dei monumenti naturali.

Trump e la sua “politica irresponsabile”

La decisione di Patagonia va in controtendenza rispetto alla politica fiscale di The Donald, ritenuta dunque irresponsabile per il popolo americano. “Le tasse proteggono i più vulnerabili della nostra società, le nostre terre pubbliche e altre risorse che danno la vita – spiega la Marcario – e nonostante questo, l’amministrazione di Donald Trump ha avviato un taglio alle tasse per le imprese che minacciano questi servizi a scapito del nostro pianeta”.

La donazione di 10 milioni di dollari si aggiungerà ai fondi destinati alle ONG che si battono per difendere il pianeta, incluso il movimento di agricoltura biologica rigenerativa, che, secondo Marcario, “non solo rallenterà la crisi climatica, ma potrebbe iniziare a invertirla”.

 

L’impegno per l’ambiente

L’annuncio dell’azienda californiana è coinciso con la diffusione del rapporto delle agenzie governative Usa sul devastante impatto per l’economia dei danni ambientali. Oltre agli sgravi fiscali che favoriscono soprattutto l’industria dell’energia, Patagonia contesta al presidente Usa la decisione di ‘aprire’ 1,5 milioni di acri della Alaska National Wildlife Refuge, finora tutelati, allo sfruttamento dei giacimenti di gas e petrolio. 

Patagonia non è nuova all’impegno sociale e ambientale. Abbiamo già raccontato dell’iniziativa per salvare le acque trasparenti dei fiumi balcanici dalla minaccia della devastazione. Ma è dal 1985 che Patagonia devolve l’1% dei propri profitti per sostenere organizzazioni ambientaliste in tutto il mondo, finanziando gli attivisti che lottano per la tutela dell’ambiente nei paesi e nelle comunità dove la stessa azienda è coinvolta.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Parliamone sulla nostra pagina Facebook

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA