Amici o famiglia? Ecco il segreto per essere felici

Secondo uno studio scientifico sul grande dilemma esistenziale, il segreto per essere felici è l'equilibrio dei rapporti tra amici e famiglia

amici-o-famiglia-felici

Amici o famiglia, qual è il segreto della essere felici? Domandona esistenziale su cui la scienza di interroga da anni. Un nuovo studio del dipartimento di psicologia della Southern Methodist University di Dallas, prova a rispondere a questo enigma importante, e il suo punto di vista è che la chiave per essere felici sta nell’equilibrio dei rapporti: e nelle situazioni se con gli amici è facile passare dei bei momenti piacevoli perché con loro non dobbiamo svolgere attività domestiche noiose, in realtà anche con la famiglia, impostando relazioni che vadano oltre la routine, possiamo ottenere gli stessi livelli di felicità.

Pubblicità

Amici o famiglia, come crearsi le situazioni adatte per essere felici

La ricerca americana, pubblicata su Journal of Personality and Social Psychology, ha visto coinvolti più di 400 partecipanti, a cui è stato chiesto di ripensare ai momenti passati con i loro amici o familiari e valutare a quali emozioni quelle esperienze sono collegate.
Queste informazioni e altre risposte su come si sentivano i partecipanti allo studio in momenti diversi hanno permesso agli psicologi americani di elaborare una stima dei tassi di felicità. È emerso che le attività che le persone svolgono più frequentemente mentre sono con i loro partner includono la socializzazione, il relax e mangiare. Che bene o male sono le stesse cose che fanno con gli amici, solo che con gli amici lo fanno più spesso, con percentuali di soddisfazione diverse e, in più, evitando faccende giudicate poco divertenti come i lavori domestici. Ad esempio, il 65% delle esperienze con gli amici implicava la socializzazione, ma solo il 28% delle volte con i partner.
La ricerca, che potrebbe sembrare un po’ limitata e ‘leggerina’ rivela insomma che le persone vivono livelli di benessere più elevati mentre stanno con i loro amici invece che con il partner o con i figli. I momenti passati con il partner erano collegati a una minima quantità di felicità. Ma è solo una parte del discorso, e della ricerca.

Amici o famiglia? Dipende dalle situazioni

Nel tempo la scienza ha affrontato il tema dimostrando teorie differenti: nel 2016 una ricerca dell’Università di Toronto affidava alla famiglia il segreto della felicità, mentre nel 2017 uno studio molto ampio della Michigan State University pendeva dalla parte degli amici. Lo studio della SMU si posiziona sostanzialmente nel mezzo e opera parecchi distinguo, spiegando che questa scoperta ha più a che fare con l’attività che viene svolta piuttosto che con il tipo di persona con cui è condivisa. Questo perché le persone tendono a trascorrere più tempo facendo attività piacevoli con gli amici che con i membri della famiglia, che per necessità si trovano insieme a svolgere compiti considerati spiacevoli come la routine quotidiana e il pendolarismo.
“Il nostro studio suggerisce che questo non ha a che fare con la natura fondamentale delle relazioni con gli amici piuttosto che con i parenti”, commentano gli psicologi, “i momenti passati con i bambini, il partner e gli amici prefigura livelli simili di felicità. Pertanto, questo documento fornisce una visione ottimistica della famiglia e suggerisce che le persone si divertono davvero anche con i loro partner e figli”.

Amici o famiglia? Ecco il segreto per essere felici

Come coltivare i rapporti in famiglia per essere più felici

Anche l’attività che le persone riferivano di fare più spesso con la loro prole – l’assistenza all’infanzia – è stata vista positivamente. E nel complesso, una volta eliminate le mansioni noiose dalle considerazioni, i volontari riferivano di provare livelli di benessere simili in presenza di amici, partner e bambini.
Insomma, alla fine familiari e amici sono entrambi sullo stesso piano quando si tratta di raggiungere alti livelli di benessere e in generale di felicità. Gli studiosi si lanciano in un suggerimento, che sa un po’ di lapalissiano: “È importante creare opportunità per esperienze positive con partner e figli romantici e assaporare mentalmente quei momenti positivi. Al contrario, le relazioni familiari che non coinvolgono nient’altro che le faccende domestiche e l’assistenza all’infanzia probabilmente non porteranno a molta felicità”.

[photo Foto di Pexels da Pixabay]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità