Covid e ansia, meglio essere fatalisti per sopportare il lockdown?

covid-ansia-come-fare

Covid e ansia sono strettamente collegati: forse è meglio essere fatalisti per sopportare il lockdown: la fiducia o la delusione nei confronti delle decisioni di un governo sono fondamentali per resistere psicologicamente, coltivare la resilienza e contrastare la pandemia scatenata dal Coronavirus. Lo rivela uno studio dell’Università di Zurigo basato su sondaggi condotti in Israele e Svizzera: si è visto come alla fine di aprile, gli israeliani erano due volte più delusi dalle loro istituzioni governative durante la pandemia rispetto ai cittadini svizzeri. In Svizzera, dove è diffuso un certo fatalismo, i sentimenti comuni sono stati meno negativi che nel paese mediorientale. Una cosa su cui riflettere anche considerando i disordini di questi giorni in Italia dopo li Dpcm del 24 ottobre 2020 che restringe la libertà di movimento.

Covid e ansia, meglio essere fatalisti per sopportare il lockdown?

Lo studio clinico socio-psicologico dell’Università di Zurigo ha esaminato lo sviluppo delle emozioni negative e dell’umore durante la pandemia Covid-19. Le 600 persone intervistate a fine aprile sui temi dei rischi legati alla pandemia e delle restrizioni alla vita quotidiana (che sono state simili nei due paesi) ha mostrato che gli israeliani hanno trovato la situazione più pesante e hanno provato sentimenti più negativi rispetto agli svizzeri.
Lo studio si è concentrato sulla percezione di perdita di controllo, fatalismo e senso di delusione o tradimento da parte delle proprie istituzioni governative. “La causa principale dei sentimenti e degli stati d’animo negativi associati al Covid-19 è che le persone sono deluse dalle proprie istituzioni governative”, afferma il Prof. Andreas Maercker del Dipartimento di Psicologia dell’UZH, “In una situazione minacciosa come una pandemia, le persone guardano alle autorità pubbliche, le cui responsabilità includono il sostegno e la protezione delle persone. Se viene fornito un sostegno insufficiente, questo è un serio motivo di preoccupazione”.

Il fatalismo aiuta a contrastare il Covid

Secondo lo studio, gli interventi che hanno aiutato le persone a sentirsi in grado di proteggersi individualmente dal virus avevano il potenziale per ridurre gli effetti negativi, ma solo in Israele, mentre in Svizzera non è stato così. E in termini di accettazione del proprio destino, gli atteggiamenti fatalistici erano più pronunciati in Israele, ma non influenzavano la paura del popolo israeliano nei confronti del Covid-19. Ma in Svizzera ancora di più: “Per gli svizzeri, la resa al destino è andata di pari passo con una minore paura del Covid-19. Il fatalismo sembra quindi aver avuto un effetto protettivo durante la pandemia in Svizzera”, afferma il primo autore Rahel Bachem.
Secondo gli autori, questa differenza psicologica sociale tra i due paesi si basa sul fatto che gli israeliani devono convivere con un senso di minaccia permanente nel loro paese e quindi generalmente pensano in modo più fatalistico, indipendentemente dalla minaccia del Covid-19. Si tratta di una scoperta scientifica interessante, poiché il fatalismo è generalmente considerato un fattore di rischio per la salute mentale in situazioni di emergenza. Invece è stata considerata una risorsa utile per allontanare l’ansia.
Alla fine, una gestione ben pianificata delle crisi da parte delle istituzioni governative si rivela importante per l’umore di una popolazione. Per i ricercatori, questo conferma l’importanza vitale della fiducia nelle misure di crisi del governo.
[photo Foto di 畅 苏 da Pixabay]

©RIPRODUZIONE RISERVATA