Prevenire le prime rughe: si comincia a trent’anni

prevenire-le-prime-rughe-30-anni

Per prevenire le prime rughe della pelle del viso è bene cominciare a trent’anni, per avere risultati a lungo termine. Fumo, stress, cattive abitudini alimentari, esposizione ai raggi solari e poche ore di sonno danneggiano i nostri tessuti che dai trent’anni d’età avviano la loro fase discendente.
Anche se ci vediamo, e siamo, ancora giovani e turgide inevitabilmente inizia a diminuire la produzione di collagene ed elastina, le due proteine che costituiscono le fondamenta della pelle. L’epidermide (lo strato superficiale della cute) e il film idrolipidico che protegge la pelle iniziano ad assottigliarsi, rendendo così la nostra cute secca, disidratata e suscettibile all’attacco di agenti esterni. Tutto ciò, unito alla graduale diminuzione dei livelli di acido ialuronico, molecola che garantisce il mantenimento dell’idratazione cutanea, dando vita a pieghe e solchi sulla superficie del viso: le detestate rughe, che, se intorno ai trent’anni sono solo segni d’espressione, col passare del tempo si sedimentano sui nostri volti.
Per non vincere al cedimento cutaneo e mantenere luminosità, tono e idratazione è bene iniziare “fin da giovani”, proteggendosi sempre, e di più in estate, dai i danni provocati dai raggi solari, e soprattutto iniziare ad utilizzare costantemente un trattamento correttivo per le prime rughe.

Pubblicità

L’età giusta per prevenire le prime rughe

A partire dai trent’anni è bene apportare qualche cambiamento alla propria beauty routine, inserendo l’uso di creme specifiche contro i primi segni del tempo che passa. La semplice crema idratante non basta più, è l’ora di cedere alle creme giorno e notte che prevengano le prime rughe e che intervengano il prima possibile su quelle che stanno per formarsi.
Generalmente si può notare la comparsa di prime rughe (o spesso solo segni di espressione) attorno agli occhi o sulle sopracciglia, di micro-rughe verticali sul labbro superiore (codice a barre), soprattutto se si fuma, e di un incavo più marcato tra le narici e gli angoli della bocca ( rughe naso labiali).
La pelle inizia a dare una sensazione di secchezza, è più grigia e stanca occorre quindi intervenire perché i primissimi segni di invecchiamento non degenerino in solchi profondi. Creme specifiche per le prime rughe aiuteranno a ritrovare freschezza luminosità e idratazione perdute.
>> LEGGI ANCHE: I 10 motivi per cui la vita all’aria aperta deve essere la nostra priorità

Ad ognuno la sua crema

A trent’anni si è comunque giovani, ma qualche piccola rughetta inizia a spuntare, e comunque se non ne volete sapere di vederne presto sul vostro volto è importante usare prodotti adatti alla vostra età e dalla texture light, e non quelli trafugati nel cassetto della mamma, che sicuramente utilizzerà cosmetici strong, pensati per pelli mature, che potrebbero rovinare la vostra pelle dando vita a sovrapproduzione di sebo, pelle oleosa, brufoli e punti neri.
Fortunatamente la natura ci fornisce dei principi attivi straordinari per la bellezza, come la baicalina, prezioso fitoestratto dalle proprietà antiossidanti contenuto nella scutellaria, una pianta perenne, che aiuta la pelle ad apparire subito ringiovanita, liscia, fresca e levigata. ed efficace anche contro i batteri responsabili dell’acne.
Mentre secchezza cutanea e sensibilità possono essere contrastate dal bifidus, batterio “amico” del nostro organismo che può essere usato nella formulazione di prodotti per la pelle. Contribuisce a rafforzare le difese della cute contro gli agenti ambientali, garantendo, grazie alla sua azione lenitiva: compattezza, uniformità e nutrimento all’epidermide.
[Foto di Alexandr Ivanov da Pixabay]

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità