Sport in menopausa: quale fare per non ingrassare

Ci sono sport più indicati di altri in menopausa, soprattutto per non ingrassare e mantenere forti e sane le ossa

Quando una donna entra in menopausa, l’effetto più visibile è il cambiamento di disposizione del grasso corporeo. «Fino a quando sono presenti gli ormoni estrogeni, il grasso si concentra sulle cosce, conferendo alla figura femminile quella caratteristica forma “a pera” detta ginoide», spiega la dottoressa Serena Del Zoppo, specialista in ostetricia e ginecologia al Columbus Clinic Center di Milano. «Dall’ingresso in menopausa i chili in più iniziano invece ad accumularsi sulla pancia e per di più si ha una riduzione dell’attività del metabolismo, ovvero l’organismo tende a bruciare meno calorie». Ecco perché in questa fase della vita di una donna fare sport è di grande aiuto, insieme con una dieta sana e bilanciata, per non ingrassare e mantenere in salute l’intero organismo.

Pubblicità

Quale sport fare (e quale no) in menopausa

Come noto, il primo rischio collegato alla menopausa sta in una riduzione della presenza di calcio nelle ossa, che porta a una loro maggiore fragilità e alla possibile insorgenza di osteoporosi. «Una regolare e moderata attività fisica è allora l’ideale per stimolare gli osteoblasti, cioè le cellule deputate alla riparazione del tessuto osseo», afferma la dottoressa Del Zoppo. «In questo senso la camminata sportiva è un’ottima attività per una donna in menopausa, più ancora della corsa, che comporta sempre dei micro-traumi. Sono invece da evitare le discipline di contatto o quelle, come per esempio lo sci, che sono ad alto rischio di fratture per possibili incidenti».

Un discorso a parte lo merita il nuoto: «La piscina fa sempre bene, ma il lavoro in assenza di forza di gravità ne riduce l’effetto benefico sulle ossa, proprio perché non viene sollecitata la successiva azione degli osteoblasti. Meglio allora tutte quelle attività di aquagym che non stressano le articolazioni, ma fanno comunque lavorare anche in appoggio».

Altri due vantaggi dell’attività fisica in menopausa

Fare sport all’aperto, non solo nella bella stagione, aumenta l’esposizione alla luce solare, che attiva nell’organismo la produzione di vitamina D, sostanza fondamentale per la salute delle ossa.

Già nel periodo che precede la menopausa si registra una diminuzione di acido ialuronico nelle articolazioni, che diventano così maggiormente a rischio di infiammazioni. «Anche in questo caso lo sport rappresenta un ottimo antidoto», conclude la dottoressa Serena Del Zoppo. «Il consiglio rimane sempre quello di svolgere un’attività fisica a basso impatto, magari anche in palestra sotto la guida di personale qualificato. Il fitness propone infatti diverse discipline “low impact” che fanno bene alla salute delle articolazioni».

LEGGI ANCHE > I cibi per una pelle sane e senza rughe se fai sport all’aperto

LEGGI ANCHE > 10 trucchi per controllare le calorie nella dieta

Credits: foto di cottonbro da Pexels.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità