Ipertensione, i 3 principi per un’alimentazione sana che abbassi la pressione

Le evidenze scientifiche lo confermano ormai da qualche tempo: scendere di peso, non solo per chi è in sovrappeso o soffre di obesità, è un modo per vedere tornare nella norma anche la pressione arteriosa. Ecco perché quando si soffre di ipertensione, il primo passo è quello di mettersi a dieta. In ogni caso alcuni alimenti sono particolarmente consigliati, più di altri, perché riescono a indurre una flessione nei valori della pressione, sia massima sia minima. I pilastri di una dieta anti ipertensiva sono tre, eccoli.

Meno sodio, più sali di potassio: frutta e verdura

Il sodio contenuto nel sale da cucina favorisce il rialzo pressorio: le linee guida dell’organizzazione mondiale della Sanità (OMS) consigliano di non consumarne più di 5 g al giorno. Nel mondo occidentale, però, se ne consumano quasi 10 g ogni giorno poiché il sodio è largamente presente in moltissimi prodotti che normalmente si acquistano e si mangiano già “belli e pronti”. Oltre a ridurre il sale è importante aumentare il consumo di sali di potassio, che favoriscono l’eliminazione del sodio e la strategia migliore per farlo è aumentare il consumo di frutta e verdura. Gli alimenti migliori sotto questo punto di vista sono pomodori, carote, peperoni, zucche e di tutti gli ortaggi colorati, perché ricchi di antiossidanti che limitano il danno dei radicali liberi alle cellule. Dei benefici dei mirtilli abbiamo già parlato ampiamente.

>Leggi anche: Sport e salute: le 6 regole infallibili per una vita sana

Acidi grassi non saturi e antiossidanti: pesce e frutta secca

Bisogna consumare soprattutto quello ricco di acidi grassi omega-3 come tonno, salmone, anguilla, sardine e trota salmonata: queste sostanze svolgono una vera e propria attività anti ipertensiva e tengono sotto controllo anche lo sviluppo delle malattie cardiovascolari. Per il contenuto in acidi grassi non saturi e antiossidanti possono vantare un effetto benefico anche le noci: qualche gheriglio al giorno è di sicura efficacia.

>Leggi anche: Come misurare la pressione con un’app (gratis)

Peptidi: latte e legumi

Chi soffre di ipertensione dovrebbe consumare regolarmente latte e derivati (meglio preferire il latte parzialmente scremato, per il contenuto calorico più basso) perché contengono peptidi bioattivi, con un’azione simile a quella di alcuni farmaci per l’ipertensione (i cosiddetti ACE inibitori). Anche il consumo regolare di legumi non va tralasciato: sono ricchi di acidi grassi polinsaturi e di un idrolisato proteico, in grado di riparare i tessuti danneggiati dalla pressione alta.

>Leggi anche: Ipertensione, colesterolo e diabete: per ridurli meglio correre o camminare?

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun Tag per questo post

One response to “Ipertensione, i 3 principi per un’alimentazione sana che abbassi la pressione

Comments are closed.