Piccole dosi quotidiane di felicità fanno vivere più a lungo

Felicità significa longevità

Una ricerca dell’Università Autonoma di Madrid (Uam), ha determinato che le emozioni positive sono più determinanti alla longevità di un individuo anche rispetto ad un percorso di vita soddisfacente. Un metodo classico per valutare la felicità delle persone è quello di domandare se siano soddisfatte della loro vita e se, in generale, siano felici. Tuttavia questa tecnica non è esente da rischi, poiché, per esempio, tendiamo a ricordare meglio quello che coincide con il nostro stato d’animo del momento.

> Leggi anche: Le famiglie outdoor sono più felici

Efficacia della felicità

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università Autonoma di Madrid si è così proposto di valutare altri aspetti della felicità, verificando  la quantità di tempo  che le persone passano sentendosi bene o male nel corso della giornata. “In questo modo possiamo identificare anche se le misure di welfare siano associate alla riduzione della mortalità, ma la ricerca consente anche di evidenziare come le emozioni positive che le persone sperimentano nel corso della giornata sono più efficaci sulla maggiore longevità rispetto alla generale soddisfazione della loro vita”, ha detto Natalia Martín, autrice principale di questo studio universitario.

> Leggi anche: Blue Mind: stare vicino all’acqua rende più felici

Giuste dosi di felicità rafforzano il nostro organismo

I risultati, pubblicati sulla rivista scientific “Frontiers in Psychology”, si sono basati su 4.753 interviste realizzate a persone in varie città spagnole. Gli intervistati, dopo aver risposto ad una domanda generale sullo stato di soddisfazione della loro vita, hanno compilato un questionario nel quale indicare le attività svolte il giorno prima e descrivere le emozioni provate durante queste attività. I ricercatori hanno così evidenziato, dopo tre anni di studio, che la relazione tra provare emozioni positive e la riduzione delle probabilità di morte era molto più forte in persone che non soffrivano di depressione.

> Leggi anche: Perché andare in bicicletta ha a che fare con la felicità

Questi risultati sottolineano l’importanza di incoraggiare le persone a fare qualsiasi tipo di attività, a partecipare ad attività sociali che consentano loro di aumentare le emozioni positive e di conseguenza siano di aiuto per vivere più a lungo”, ha aggiunto la professoressa Martin.
[photo pixabay]

> Leggi anche: Fare o avere? Questo è il dilemma della felicità

©RIPRODUZIONE RISERVATA