Speciale camminata benessere: tutto quello che devi sapere sul walking

Speciale camminata benessere: tutto quello che devi sapere sul walking

Il 2021 è l’anno della camminata benessere. Complice l’anno e più trascorso in lockdown, tra zone rosse e arancioni, smart working e DAD in cui tra le poche cose concesse c’era l’attività motoria nei dintorni di casa, abbiamo tutti scoperto che camminare è bello, rilassante e soprattutto fa bene. Lo testimonia anche “A Year in Sport”, il report annuale di Strava, secondo il quale le attività di walking nel 2020 sono più che triplicate, a fronte per esempio di una crescita di una volta e mezza per il running.
Ma per quanto camminare sia il più naturale dei gesti che possiamo fare per tenerci attivi, la camminata benessere non è la semplice passeggiata. Non che passeggiare non vada bene, sono tanti anche i benefici – soprattutto mentali – di una semplice passeggiata. Ma la passeggiata benessere è tutta un’altra cosa e va considerata come una vera attività sportiva. Con il grande vantaggio che la puoi fare ovunque, è a basso impatto, ciascuno può modularla secondo le proprie capacità e non ha nessuna controindicazione. Tanto che secondo ricerca dell’Università del Queensland, in Australia, camminare è la miglior medicina del mondo. Anche tu hai deciso di dedicarti regolarmente al walking e alla camminata per la salute? Qui abbiamo raccolto tutte le ricerche e i migliori consigli per iniziare e ottenere i risultati sperati (con anche degli approfondimenti che puoi leggere cliccando sui link).

Pubblicità

I benefici fisici della camminata benessere

Sono molti i benefici fisici della camminata benessere, come è facile intuire. Dalla perdita di peso alla tonificazione dei muscoli fino al benessere cardiovascolare.

Camminare fa calare la pancia? Sì, per ridurre la pancia serve la camminata veloce e il motivo è che con la camminata benessere si intaccano proprio le riserve energetiche depositate nel grasso addominale.

Ma a che velocità bisogna camminare per dimagrire? Secondo una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine un adulto, uomo o donna che sia, dovrebbe camminare facendo almeno 100 passi al minuto.

E quanti kg si possono perdere camminando? Per perdere 1 kg di peso in 1 settimana bisognerebbe tagliare circa 1000 calorie al giorno, e su questo influiscono molti fattori, dall’età al peso iniziale, dalla quantità al ritmo della camminata. Se vuoi raggiungere questo risultato qui spieghiamo quanto camminare per perdere 1 kg.

Inoltre secondo una ricerca dell’americana Duke University per la prevenzione del diabete è meglio camminare che correre.

Consigli per praticare la camminata sportiva

Se vuoi cominciare a praticare la camminata sportiva con regolarità puoi cominciare da questi semplici consigli.

Camminare al mattino fa bene? Sì, generalmente sì, ma è meglio fare attenzione a queste controindicazioni.

Secondo l’OMS camminare assicura alcuni benefici effetti come il benessere cardiovascolare, la salute di ossa e tendini e il controllo del peso corporeo. Puoi cominciare da questi 6 consigli per tenersi in forma camminando.

A proposito di salute di ossa e tendini, secondo uno studio condotto dalla Boston University del Massachusetts e pubblicato sulla rivista Arthritis Care & Research, camminare regolarmente può scongiurare l’insorgere dell’osteoartrite al ginocchio e tutte le conseguenze della limitazione della mobilità in età avanzata.

La camminata benessere è davvero indicata per tutti a ogni età, tuttavia ci sono almeno 9 errori da non commettere quando si pratica il walking.

I benefici su stress e umore della camminata veloce

La camminata veloce non fa bene solo al corpo ma anche alla mente. Mens sana in corpore sano in pratica, dallo scacciare lo stress a favorire il buonumore e fino al pensiero analitico e creativo, sono molte le conseguenze del camminare per la nostra mente.

La camminata benessere combatte anche lo stress? Assolutamente sì, soprattutto in questo periodo di ansia dettata dalla pandemia, e ci sono almeno 10 motivi (alcuni dei quali insospettabili) per farlo.

Camminare mette di buonumore? Se pensi che 10 minuti di camminata alla settimana consentono già di essere più felici pensa a farlo regolarmente tutti i giorni (o quasi).

Camminare aiuta anche a pensare meglio: lo ha dimostrato uno studio della National Library for Medicine degli Stati Uniti che consiglia di praticare la camminata benessere per 35 minuti per 3 volte a settimana

Se hai difficoltà a prendere sonno, o il sonno disturbato, ti farà piacere sapere che camminare aiuta anche a dormire meglio.

La camminata benessere ha anche tante altre inaspettate conseguenze, come per esempio il miglioramento anche della vita sessuale e della fertilità (cioè aiuta a rimanere incinta)

Quanto e come dedicarsi alla camminata benessere

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità bisognerebbe camminare 10mila passi al giorno. Ma un conto è avere 20 anni, e un altro 60. In realtà ci sono precise indicazioni su quanto camminare per stare bene in base all’età, con anche la distinzione tra uomini e donne.

Il fitwalking è la disciplina ideata da Maurizio Damilano, ed è una forma particolare e precisa di camminata benessere. Se vuoi cominciare puoi seguire questi 5 consigli di Gloria Ghiara, istruttrice di Fitwalking e Fitwalking Cross metodo Damilano e Istruttore Fidal-Fitwalking.

Secondo una ricerca della Lawrence Berkeley National Laboratory, i benefici del Fitwalking possono essere uguali o superiori a quelli della corsa, come puoi leggere in questo articolo.

La camminata benessere può essere un vero e proprio allenamento, e se vuoi ottenere dei veri risultati puoi cominciare da questi 7 consigli per ottenere i primi risultati.

Come vestirsi per praticare la camminata benessere? Basta in modo semplicemente sportivo. La cosa più importante sono le scarpe, e qui trovi i consigli per scegliere le scarpe da walking più adatte, mentre qui qualche utile consiglio su come vestirsi per la camminata veloce.

Se invece ti viene mal di piedi dopo una camminata ecco le cause e i rimedi più efficaci.

Credits photo: Vecteezy

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità