Scegliere gli sci giusti: le 3 cose importanti da considerare

Entrare in un negozio di sci o in un noleggio è come inoltrarsi in una babele di marchi, caratteristiche, definizioni e tipologie di sci in cui uno sciatore alle prime armi (ma anche qualche sciatore provetto) rischia davvero di perdersi. Certo, con un venditore o noleggiatore di fiducia ci si può affidare ai suoi consigli, soprattutto se conosce le nostre abitudini e capacità, ma questo non sempre è possibile e poi, in fin dei conti, è anche bello e interessante scegliere in modo consapevole gli sci più adatti per passare qualche ora sulle piste innevate (e magari avere le cognizioni per poterli valutare e cambiare modello in futuro).

> Leggi anche: Le località sciistiche delle Alpi più ricche di charme

Come fare allora per orientarsi nella scelta di un nuovo paio di sci, fosse anche noleggiato per un weekend? Intanto bisogna tener conto di ciò che è davvero importante. Ovvero: gli sci devono essere comodi e tali da garantire divertimento e sicurezza, altrimenti salta il prerequisito essenziale, che sciare è piacere.

Poi è utile fare una specie di “anamnesi” del proprio profilo di sciatore: quante volte sciamo in un anno? Ogni weekend o solo qualche volta, magari nella settimana bianca? Qual è il nostro reale, sincero e oggettivo livello tecnico? Dove useremo, prevalentemente o esclusivamente gli sci? Solo neve battuta o anche fresca e morbida? Solo in pista o anche freeride? E infine: quali sono le nostre caratteristiche fisiche? Grandi grossi e potenti o minuti e agili? Ecco, tenuto conto di questo si comincia a sgombrare il campo da molte delle opzioni disponibili sul mercato restringendo la scelta ad alcuni modelli ben precisi. Che poi magari è bene testare – nel caso di un potenziale acquisto – in una delle numerose occasioni di ski test che i marchi organizzano direttamente sulle piste da sci.

> Leggi anche: Le 7 piste da sci più panoramiche del Trentino

Valutare il proprio livello tecnico

In questo bisogna essere onesti con se stessi e trovare il proprio livello in uno dei 4 sostanziali livelli di capacità tecniche con un paio di sci ai piedi: se avete appena imparato, o volete prendere le prime lezioni con il maestro, e al massimo riuscite a fare qualche semplice curva su piste elementari come verdi e blu siete assolutamente un Principiante e vi serve uno sci semplice da condurre e che perdoni qualche errore. Se già sciate regolarmente per qualche weekend all’anno e, a parte le nere, vi trovate a vostro agio su più o meno tutte le piste, riuscendo a curvare con sicurezza, allora il vostro livello è Intermedio e vi potete concedere uno sci comodo e ben bilanciato. Nere, bordo pista, curve disegnate a pennello e pure un abbozzo di carving? Be’, allora siete sciatori Avanzati, vi potete concedere uno sci performante e probabilmente non avete bisogno di questa guida così come uno sciatore Esperto che maneggia gli sci perfettamente su ogni tipo di neve e senza mai perderne il controllo anche a grande velocità.

> Leggi anche: 6 consigli per sciare senza farsi male

Pensare a dove si andrà a sciare

Ora, non è che un paio di sci con determinate caratteristiche sia poi assolutamente vincolante per la scelta del posto in cui andare a sciare ma siccome ormai ogni marchio produttore di sci segmenta minuziosamente la propria gamma in base al modo e al terreno su cui verranno utilizzati, farsi un’idea delle proprie preferenze è senza dubbio utile per scegliere lo sci più adatto ai propri gusti e alle proprie capacità. Per esempio chi non esce dalle piste e dalla neve battuta potrebbe optare anche per un paio di sci Race, da slalom gigante, se si amano le piste ad alta velocità, o da slalom speciale, se si preferiscono le curve corte. Chi invece non rinuncia a sciare in qualunque condizione di neve, che sia dura, molle o fresca purché si scii, preferirà un paio di All Mountain, che sono comodi e facili da usare, mediamente larghi, con spatole più lunghe per aver maggior presa su neve molle e un buon equilibrio sulle curve, sia strette che larghe. Se invece le piste le vedete come la peste e ve ne tenete alla larga le possibilità sono due: il fuoripista, per cui servono sci Freeride larghi, con spatole generose per migliorare la tenuta in neve fresca; oppure Freestyle, per chi invece ama i trick dentro gli snowpark e ha bisogno di sci bi-spatola, per sciare in entrambi i sensi, e resistenti.

> Leggi anche: 4 consigli per cominciare a correre da adulti

Pensare a se stessi

Anche le caratteristiche personali alla fine contano nella scelta di un paio di sci: intanto banalmente il sesso, visto che ormai esistono sci specifici per le donne (e non stiamo parlando di grafiche e colori ma di caratteristiche tecniche); poi altezza e peso che nella loro combinazione possono far optare per sci più o meno reattivi, più o meno lunghi, più o meno docili.

> Leggi anche: Le 12 regole di comportamento sulle piste da sci

Video: gli ski test con le novità 2016/2017

Credits: Pixabay

©RIPRODUZIONE RISERVATA