Sci di fondo col passeggino: qualche consiglio per divertirsi in sicurezza

Fare sci di fondo col passeggino può essere divertente anche per il bambino, ma è meglio non improvvisare e seguire qualche consiglio

Sci di fondo col passeggino

Vedere qualcuno fare sci di fondo con il passeggino non è molto comune, almeno sulle piste di casa nostra. Eppure quando si hanno bambini piccoli e si vuole comunque uscire con tutta la famiglia, e magari cominciare ad abituare i figli anche piccoli alle avventure all’aria aperta, il passeggino per lo sci di fondo può essere una soluzione pratica e divertente. Ovviamente bisogna saper sciare bene, non improvvisare, e scegliere l’attrezzatura giusta.

Passeggini per lo sci di fondo

Oggi c’è una vasta offerta di marchi e modelli di passeggini per lo sci di fondo. In gergo si chiamano stroller, puller o baby sport, e i modelli migliori sono convertibili: abitualmente sono venduti per il walking o il running, con accessori che permettono anche di agganciarli alla bici o, con la stessa modalità pull della corsa, di agganciarli in vita per fare sci di fondo. Ovviamente dopo aver sostituito le ruote con gli appositi sci. Scelto il passeggino per lo sci di fondo, bisogna armarsi di pazienza, organizzarsi bene, e fare prima un po’ di pratica.

Sci di fondo col passeggino: qualche consiglio

Il primo consiglio per chi vuol fare sci di fondo col passeggino portando con sé dei bambini piccoli è di fare prima delle prove senza il bambino, ma caricando il puller con un po’ di peso. Un conto infatti è sciare, un altro farlo con un rimorchio al traino, sia per quanto riguarda trainarlo che, ancor più, per quanto riguarda frenare. Questo consentirà di valutare bene le proprie abilità con gli sci ai piedi e la propria forma fisica, per evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli per sé e per i propri bambini.

Il vantaggio di un puller è che i bambini sono molto più comodi e protetti che in uno zaino da trekking, che solitamente è l’alternativa per chi ama portare con sé i bambini piccoli durante le escursioni, estive o invernali. I passeggini per lo sci di fondo infatti hanno una copertura che protegge il bambino dall’aria fredda e dalle intemperie, oltre ad assicurare abbastanza spazio per tenere con sé qualche gioco, peluche, oggetto per distrarsi e ovviamente qualche snack.
Se però il consiglio per vestire i bambini per una giornata sugli sci è sempre quello di non esagerare a coprirli, per un bambino che passa del tempo fermo in un passeggino è vero il contrario: in fondo mentre tu stai “faticando” a spingere sugli sci trainando il puller con dentro il tuo piccolo, lui è fermo al suo interno. Quindi oltre al normale abbigliamento da neve è bene prevedere di portare una coperta in pile sotto cui può ripararsi.

Nel dubbio, soprattutto quando si noleggia un passeggino, è sempre bene controllare il peso massimo stabilito dal costruttore: normalmente sono omologati per portare anche due bambini e tutto il necessario, ma trattandosi dei propri figli è sempre meglio verificare.

La cosa migliore sarebbe essere sempre in due. Uno che tira il passeggino e l’altro che scia al suo fianco, o al seguito. Può essere utile per darsi il cambio, ma anche per verificare che tutto vada per il verso giusto. Un buon consiglio è quello di non “dimenticarsi” di avere un bambino al traino: parlargli, chiedergli come va, raccontargli cosa state facendo o una storia è un buon modo per sincerarsi che sia a suo agio e che si stia divertendo.

Alla fine fare sci di fondo col passeggino deve essere soprattutto un’attività divertente, famigliare, piacevole. Quindi oltre a interagire regolarmente con il piccolo è bene prevedere delle soste per giocare nella neve, fare uno spuntino, bere qualcosa di caldo e godersi la giornata.

LEGGI ANCHE:

Cybex Zeno, il passeggino multisportivo 4-in-1

Thule Chariot, ora anche in nuove colorazioni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...

Nessun Tag per questo post